TwitterFacebookGoogle+

Moda: Jane Birkin a Hermes, via il mio nome dalla mitica borsa

(AGI) – Parigi, 28 lug. – Jane Birkin non vuole piu’ che Hermes utilizzi il suo nome per la leggendaria borsa di coccodrillo, oggetto del desiderio delle donne di mezzo mondo. L’artista ha denunciato di esser venuta a conoscenza della crudelta’ dei metodi utilizzati per macellare i rettili e ha detto di aver firmato la petizione Mercy for Animals, Pieta’ per gli Animali, sponsorizzata dell’attore Joaquin Phoenix contro “tutti i comportamenti inadeguati contro gli aninmali”. Fabbricate interamente a mano in Francia da una sola persona che le firma con le sue iniziali, le Birkin sono tra le borse piu’ care del mondo. Furono ‘battezzate’ cosi’ dopo un fatale incontro in aereo, all’inizio degli anni ’80, tra la cantante e attrice e l’allora presidente di Hermes, il leggendario Jean-Louis Dumas. Insieme alla ‘cugina’ gemella, la Kelly (chiamata cosi’ da Grace Kelly) e’ un emblema della maison francese del lusso. E’ disponibile in diversi colori e materiali, cuoio, vitello, struzzo, coccodrillo. A giugno, una borsa Birkin in coccodrillo fucsia, con rifiniture in oro e tempestata di diamanti, e’ stata venduta per oltre 200mila euro da Christie’s a Hong Kong. Ma anche i modelli in pelle classica, venduti a circa 7mila euro, sono difficili da trovare nei negozi e spesso bisogna mettersi in lista d’attesa prima di averne una. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.