TwitterFacebookGoogle+

Modificati gli embrioni umani: “È la prima volta senza errori”

L’esperimento con la tecnica Crispr contro le malattie genetiche. Ma ora si apre il dibattito etico sui “bambini su misura”

Pubblicato il 28/07/2017 –
paolo mastrolilli –
inviato a New York –

Il primo embrione umano modificato geneticamente negli Stati Uniti è stato prodotto in Oregon. Finora questa pratica era stata documentata ufficialmente solo in Cina, ma la svolta americana annuncia un’accelerazione, che potrebbe portare nel prossimo futuro alla nascita di bambini su ordinazione.

La notizia è stata pubblicata dalla MIT Technology Review , secondo cui l’esperimento è stato condotto dallo scienziato originario del Kazakistan Shoukhrat Mitalipov, alla Oregon Health and Science University. La tecnica utilizzata è quella del Crispr, seguendo un processo di gene-editing chiamato «germline engineering», che rende permanenti le modifiche al codice del Dna e automatica la loro trasmissione ai figli di chi le ha subite. I tre esperimenti tentati in Cina avevano avuto risultati contraddittori, perché non tutte le cellule degli embrioni costruiti avevano recepito i cambiamenti in maniera omogenea. Ciò aveva generato effetti «off-target», ossia fuori bersaglio, e il fenomeno chiamato «mosaicism». Mitalipov però ha usato una tecnica diversa e, iniettando Crispr molto presto, nello stesso momento in cui le uova venivano fertilizzate in vitro, avrebbe superato o limitato questo problema.

Gli embrioni creati sarebbero diverse decine, sono stati sviluppati per pochi giorni, e non c’era mai stata l’intenzione di impiantarli nell’utero di una donna. Se confermato, però, il risultato rappresenta comunque una svolta, che apre la strada al concepimento di bambini su misura. Un dilemma tanto etico quanto pratico, che la nostra società ormai deve affrontare e discutere.

Nel 2007 Mitalipov aveva creato le prime scimmie clonate, e nel 2013 gli embrioni umani clonati, allo scopo di produrre cellule staminali specifiche per i pazienti. Anche questo esperimento ha un obiettivo terapeutico, che però verrà rivelato solo quando i risultati saranno pubblicati su una rivista scientifica. Il seme utilizzato era stato prelevato da uomini colpiti da una malattia genetica ereditaria, con la finalità di evitare la sua trasmissione ai figli. Questa tecnica, ad esempio, viene considerata promettente per sradicare la beta talassemia del sangue. Il problema però è che una volta perfezionata, potrebbe essere usata anche per generare «designer babies», cioè bambini su misura, magari solo perché i genitori vogliono che abbiano gli occhi azzurri o i capelli rossi.

La National Academy of Sciences degli Stati Uniti si è posta l’interrogativo etico, e in un rapporto del febbraio scorso ha dichiarato che potrebbe appoggiare l’uso di Crispr se fosse regolamentato in modo da garantire che venga adoperato solo a fini medici, per evitare la trasmissione delle malattie ereditarie. Il Congresso americano finora ha vietato l’impianto di embrioni modificati, e l’ex direttore nazionale dell’intelligence James Clapper è arrivato a definire questa tecnica come una potenziale «arma di distruzione di massa», perché è facile da usare e potrebbe essere impiegata per danneggiare un Paese.

http://www.lastampa.it/2017/07/28/esteri/modificati-gli-embrioni-umani-la-prima-volta-senza-errori-QwYeXaqJ3ydYc2XNIG8bLN/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.