TwitterFacebookGoogle+

Montenegro, vince Djukanovic dopo le minacce serbe

Belgrado, 16 ott. – Vittoria del filo-occidentale Partito Democratico dei Socialisti del premier Milo Djukanovic in Montenegro. Stando agli exit poll, la forza politica del leader 54enne che da 25 anni guida la piccola repubblica ex jugoslava ha otenuto il 41% – lontano dalla maggioranza assoluta – seguito dalla formazione filo-russa Fronte Democratico con il 21% e la coalizione moderata Kljuc terza con il 10%.  Se questi dati saranno confermati al partito del premier andranno 38 seggi contro i 20 dei conservatori del Fronte Democratico e i 10 di Kljuc, alleanza di tre formazioni europeiste e  partito d’opposizione anticorruzione intransigente. I numeri sarebbero sufficienti per il referendum per l’ingresso di Podgorica nella Nato. Un’eventualità contro cui è schierata con forza la Russia, che ha già dovuto ingoiare il boccone amaro dell’Albania 28esimo Stato dell’Alleanza Atlantica. Djukanovic aveva giocato tutte le elezioni sullo slogan: vogliamo essere membri dell’Ue, della Nato o una colonia russa.

Le elezioni sono state segnate da una buona affluenza (73%) ma sopratutto dal piano eversivo di una ventima di estremisti serbi arrestati perchè, stando alla polizia, pianificavano di rapire il premier e di compiere una serie di attentati che dovevano innescare scontri armati nel piccolo Paese adriatico. 

Il Montenegro, Paese di 620mila abitanti, nel 2006 si è staccato dalla Serbia che ora è governata da un altro leader europeista, Aleksandar Vucic, anche lui nel mirino degli estremisti. Sullo sfondo delle tensioni di questi giorni c’è lo scontro indiretto tra Nato e Russia sui futuri equilibri nei Balcai. (AGI)

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.