TwitterFacebookGoogle+

Mosca arma la Siria. "Ma non combatteremo al fianco di Assad"

(AGI) – Roma, 10 set. – La Russia ha ammesso che sta inviando armi insieme agli aiuti umanitari in Siria, ma ha precisato che non e’ direttamente impegnata nei combattimenti al fianco dell’esercito di Bashar al-Assad. Rispondendo alle preoccupazioni espresse dagli Usa per le notizie di attivita’ militari russe nel Paese, il ministro degli Esteri ha precisato che Mosca “non ha preso misure aggiuntive” per rinforzare la sua presenza militare in Siria. “Esperti militari russi lavorano in Siria, aiutano l’esercito siriano ad imparare a utilizzare le nostre armi”, ha confermato Lavrov, ricordando in Siria “ci sono militari russi da molti anni”. Gli aerei che la Federazione russa ha inviato in Siria, ha aggiunto, “hanno trasportato aiuti umanitari e materiale militare, come previsto dai contratti gia’ esistenti”. L’autorevole quotidiano russo Kommersant, ha rivelato che tra gli armamenti forniti all’esercito siriano ci sono dei BTR-82A, veicoli corazzati per il trasporto di militari. Se necessario, ha aggiunto Lavrov, Mosca adottera’ misure aggiuntive, ma nel rispetto del diritto internazionale, perche’ “la Russia continuera’ ad aiutare Damasco, per prevenire che in Siria si verifichi uno scenario simile alla Libia. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha ribadito che “la minaccia proveniente dallo Stato islamico e’ evidente. La sola forza in grado di resistere sono le forze armate siriane”. La Russia e’ da tempo convinta che Bashar, suo stretto alleato, dovrebbe essere coinvolto negli sforzi della comunita’ internazionale contro il gruppo jihadista. Peskov ha anticipato che il presidente russo Vladimir Putin parlera’ di Siria e di Isis nel suo intervento all’Assemblea generale dell’Onu. Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha ribadito la “preoccupazione” per le notizie su un aumento della presenza russa in Siria. “Questo – ha avvertito – non contribuisce a risolvere il conflitto. Noi sosteniamo gli sforzi dell’Onu per una soluzione politica in Siria”. Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha invitato a “non ripetere gli errori commessi in passato”. “Un conto e’ contenere la minaccia terroristica, un conto e’ immaginare spedizioni militari che possano risolvere la crisi in Siria con il rischio di ripetere errori che abbiamo duramente pagato in altri Paesi”, ha spiegato il titolare della Farnesina, con chiara allusione alla Libia. Gentiloni ha confermato il “no” di Roma a una Russia che difende militarmente Assad. Intanto, la Gran Bretagna ha fatto sapere che il suo intervento in Siria prevede un duplice livello: militare, con raid aerei limitati per eliminare “le menti (i vertici) che controllano” Isis; diplomatico, per arrivare a un governo di unita’ nazionale” in cui a “Bashar Assad sara’ concesso di di restare presidente per una transizione di massimo 6 mesi”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.