TwitterFacebookGoogle+

Mosca esclude no-fly zone in Siria

Mosca – E’ troppo tardi per parlare di stabilire una no-fly zone sulla Siria. Lo ha detto il rappresentante permanente della Russia alle Nazioni Unite, Vitaly Churkin, in un’intervista alla radio e al quotidiano Kommersant. “Quando tutti volano e bombardano non vi è alcuna discussione su no-fly zone”, ha spiegato il diplomatico. “In teoria, si può immaginare che durante l’applicazione dell’accordo sul cessate-il-fuoco, possa essere avanzata una proposta di non usare lo spazio aereo, ma è una formulazione puramente teorica, soprattutto in condizioni della nostra presenza in Siria”, ha argomentato Churkin, rilanciato anche dalle agenzie russe.

A spingere per una no-fly zone per la Siria è stata di recente la Cancelliera tedesca Angela Merkel, secondo la quale “se riuscisse un accordo tra gli oppositori di Assad e i suoi sostenitori su una sorta di no-fly-zone, un’area di riparo per i profughi, questo salverebbe la vita di molte persone e faciliterebbe il processo sul futuro della Siria”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.