TwitterFacebookGoogle+

Mostre: celebre disegno Leonardo tornera' a Vinci dopo 500 anni

Firenze – Tra i disegni piu’ famosi nella storia dell’umanita’, il Paesaggio di Leonardo da Vinci, prima opera datata dell’artista (5 agosto 1473),tornera’ per la prima volta nella terra d’origine dell’artista dopo oltre 500 anni dalla sua realizzazione. L’evento e’ in programma nell’estate 2019, in occasione del 500^ anniversario della morte del genio. L’esposizione e’ stata resa possibile grazie a un accordo tra il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, la curatrice del gabinetto dei disegni e delle stampe delle Gallerie degli Uffizi, Marzia Faietti, la direttrice del museo Leonardiano e della biblioteca leonardiana di Vinci, Roberta Barsanti, e l’assessore alla cultura del comune di Vinci, Paolo Santini Cosi’, a partire dal 5 agosto 2019, il Paesaggio sara’ esposto per cinque settimane a Vinci, la cittadina in provincia di Firenze che a Leonardo diede i natali il 15 aprile 1452. Proveniente con ogni probabilita’ dal piu’ antico fondo collezionistico mediceo, il foglio, ora custodito al gabinetto dei disegni e delle stampe delle Gallerie degli Uffizi, si ricongiungera’ idealmente alle terre d’origine del maestro, il Valdarno inferiore, che ne sono state la fonte d’ispirazione.

“Il famoso Paesaggio degli Uffizi – sottolinea Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi -, talmente celebrato da essere comunemente ricordato con il suo numero di inventario (8P recto),puo’ considerarsi tra i primi paesaggi autonomi nel disegno occidentale, e costituisce la piu’ precoce testimonianza grafica dell’artista. Con la data vergata in alto a sinistra, il prezioso foglio dichiara la sua appartenenza a una nuova stagione di Leonardo, da poco iscritto alla Compagnia dei pittori di Firenze, la Compagnia di San Luca: siamo agli inizi di una maturazione professionale che avrebbe coinciso piu’ o meno con l’avvento di una nuova Eta’ dell’Oro per la fioritura delle arti a Firenze, preannunciata nel 1469 dalla successione di Lorenzo de’ Medici a Piero di Cosimo.

Tra le ricerche sviluppate allora dall’artista si segnala il rapporto tra figure e paesaggio, cui si accompagnava un’inclinazione verso l’illustrazione di brani paesaggistici dove si declinavano conoscenze della pittura nordica. Non e’ un caso che nel disegno inventariato ‘8P’ si ritrovino convenzioni rappresentative fiamminghe originalmente interpretate e parallele a quelle sviluppate negli stessi anni dai Pollaiuolo”. “Nel Paesaggio – osserva Marzia Faietti, curatrice del gabinetto dei disegni e delle stampe delle Gallerie degli Uffizi – Leonardo adotto’ un tracciato assai diversificato per conseguire una trascrizione insieme naturalistica e astratta del dato di natura. Nel disegnare le forme naturali, l’artista non si lascio’ infatti sedurre dalle attrattive di una diligente perizia mimetica; viceversa, abbandonandosi al ritmo fluente della penna, evoco’ liberamente forme vedute dal vivo, rivisitandole a distanza e a memoria. Tale processo mnemonico si accompagnava al desiderio di richiamare le sensazioni provate a contatto con il paesaggio naturale, colto nell’attimo fugace di un momento della giornata. L’inedito tracciato lineare doveva infatti costruire le immagini della natura ricercando analogie sul piano formale e suscitando particolari percezioni visive e sensoriali”. “Per Vinci e per il suo territorio sara’ un evento epocale,” afferma Paolo Santini. Aggiunge Roberta Barsanti: “Nessun’altra opera e’ cosi’ simbolica del legame di Leonardo con Vinci e i luoghi circostanti”.(AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.