TwitterFacebookGoogle+

Msf, nel 2015 uccisi 23 medici nelle nostre strutture in Siria

Roma – La guerra in Siria non risparmia le organizzazioni umanitarie e gli ospedali in cui sono ricoverati i civili. Secondo un rapporto di ‘Medici senza frontiere’ – diffuso oggi a Ginevra dalla presidente dell’ong, Joanne Liu – nel 2015 gli attacchi alle strutture di Msf hanno ucciso 23 medici e ne hanno feriti 58. Sono state attaccate 63 strutture 94 volte, 12 sono state completamente distrutte. Solo nelle 70 strutture monitorate nel rapporto, sono 154.647 i feriti e 7.009 le vittime di guerra, di cui il 30-40% donne e bambini, chiaro indicatore dell’impatto del conflitto sui civili. “Ed è – ha spiegato Jonne Liu – solo una fotografia parziale di quanto accade nel resto del paese, dove il bilancio è certamente più grave”.

“La Siria è una trappola mortale – ha detto Joanne Liu in un appello ai membri del Consiglio di Sicurezza dell’Onu impegnati a bombardare il paese medioentale – ci sono attacchi incessanti, brutali e mirati contro i civili. L’assistenza sanitaria è nel mirino di bombe e missili. Milioni di persone devono fuggire per la vita. Altre non possono: sono bloccate da frontiere chiuse. Voglio essere chiara: gli attacchi contro i civili e gli ospedali devono cessare”. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.