TwitterFacebookGoogle+

Mucca pazza, italiani scoprono gene che salva i caprini

Torino – Il laboratorio di genetica dell’Istituto Zooprofilattico di Torino, diretto da Pierluigi Acutis, ha scoperto una mutazione genetica che rende resistenti i caprini all’encefalopatia spongiforme (malattia analoga al morbo della muzza pazza). “La mutazione e’ naturalmente presente in alcuni animali – spiega Maria Caramelli, direttrice generale dell’Istituto Zooprofilattico – e utilizzare per la riproduzione soltanto gli animali geneticamente resistenti puo’ proteggere la popolazione da questa temibile malattia. Salvare gli animali e il lavoro degli allevatori sono una nostra priorita’”. L’encefalopia spongiforme della capra non solo costituisce un grave problema di sanita’ e benessere animale, ma provoca anche ingenti danni economici, poiche’ per regolamento europeo quando un gregge e’ colpito da questa malattia tutti gli animali devono essere abbattuti. “Con un piano d’azione nazionale abbiamo coordinato l’analisi genetica di 5mila capi – precisa Pierluigi Acutis, a capo del laboratorio di Genetica dell’Istituto – e abbiamo creato una banca dati nazionale per sapere dove e quali sono gli animali resistenti. Forti di questa azione stiamo chiedendo all’Unione Europea, con il supporto del ministero della Salute, di modificare il regolamento e salvaguardare con la genetica il patrimonio caprino”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.