TwitterFacebookGoogle+

'Museo' in casa di un medico, sequestrati 200 reperti

Napoli – C’era persino un’armatura di un guerriero, ma anche gioielli, anfore e statue tra i 200 reperti archeologici di provenienza illegale sequestrati dai carabinieri a casa di un medico 62enne. La scoperta è dei militari dell’Arma di Piano di Sorrento.

La collezione era in scatole di cartone e comprendeva pezzi di inestimabile valore risalenti a un periodo compreso tra l’VIII e il VI secolo a.C.. L’uomo è stato denunciato per impossessamento illecito di beni culturali e ricettazione. L’armatura, secondo gli esperti, sarebbe stata trafugata da una tomba del V secolo a.C., mentre monili e ornamenti femminili verrebbero da una necropoli del VI secolo a.C.. (AGI)
 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.