TwitterFacebookGoogle+

Napoli: guardia giurata tenta di uccidere moglie e si suicida

(AGI) – Napoli, 4 set. – Ferita, e’ riuscita a risollevarsi da terra e a uscire da casa, chiedendo aiuto. E aiuto ha invocato ai soccorritori anche per l’uomo che le aveva appena sparato. “Aiutate mio marito, sta morendo”, ha detto piu’ volte. Il racconto e’ di alcuni dei vicini di casa che hanno soccorso per primi Carmela Lembo, 53 anni, moglie di Antonio Bani, 55 anni, guardia particolare giurata, l’uomo che stamani a San Giorgio a Cremano, nel Napoletano, si e’ tolto la vita sparandosi un colpo alla testa dalla sua pistola di servizio calibro 7,65, dopo avere esploso 8 colpi all’indirizzo della moglie, attualmente ricoverata in gravi condizioni all’ospedale di Napoli Loreto mare. Carmela Lembo e’ ancora viva perche’ nessun proiettile l’ha raggiunta in parti vitali. I vicini l’hanno aiutata e nel frattempo hanno chiamato il 118 e i carabinieri. Uno dei condomini del palazzo di via Gramsci dove abita la coppia, ha deciso poi di portarla con la sua auto e di trasportarla in ospedale. Sull’episodio, avvenuto poco dopo le 7.30, indagano i carabinieri. Al momento si sta cercando di capire cosa sia accaduto nelle ore che hanno preceduto il tentativo di omicidio seguito da un suicidio. Secondo quanto accertato sentendo il figlio dei due, che lavora in un laboratorio di analisi e stamani non era in casa, l’uomo era apparso piuttosto giu’ di umore da qualche giorno. Sia la moglie che il giovane gli avrebbero chiesto piu’ volte cosa avesse, non ricevendo risposta. Ma, stando, a quanto spiegato dal figlio, nulla faceva presagire che il padre potesse mettere in atto gesti estremi. (AGI) Na3/mld .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.