TwitterFacebookGoogle+

Nato, soldati italiani andranno in Lettonia

Bari – Nei prossimi mesi l’Italia invierà una compagnia di 140 militari in Lettonia per partecipare alla forza Nato a guida canadese schierata nel Paese baltico e a partire dal 2018 parteciperà con un proprio contingente alla missione dell’Alleanza atlantica al confine con la Russia. Lo hanno reso noto i ministri della Difesa e degli Esteri, Roberta Pinotti e Paolo Gentiloni, dopo che il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in un’intervista alla Stampa aveva anticipato il coinvolgimento italiano.

L’Italia inviera’ “nei prossimi mesi una compagnia di 140 uomini in Lettonia per partecipare alla forza Nato a guida canadese lì dispiegata”, ha spiegato Gentiloni a margine della conferenza alla Nato Defense College di Roma, alla presenza di Stoltenberg. “L’Italia”, ha aggiunto il titolare della Farnesina, “ha sempre dato il suo contributo all’impostazione di rafforzamento dei nostri assetti difensivi nei Paesi settentrionali e orientali dell’alleanza atlantica”. 
 
Stoltenberg aveva anticipato che l’Italia farà parte di “uno dei quattro battaglioni dell’Alleanza schierati nei Paesi baltici”. Si tratterà di “pochi uomini”, una presenza “simbolica” in una forza “simbolica” da quattromila ha precisato il numero uno della Nato, che però deve servire a dimostrare che “ci siamo e siamo uniti” e che “abbiamo una difesa forte che garantisce la deterrenza” pur vlendo “tenere aperto il dialogo” con il Cremlino. “Sempre nel 2018”, ha aggiunto l’ex premier norvegese, “l’Italia sarà nazione guida nel Vjtf”, la Task Force di azione ultrarapida, la “punta di lancia” in grado di intervenire in cinque giorni in caso di emergenza e schierata lungo la frontiera orientale dopo che Vladimir Putin, come ha sottolineato Stoltenebrg, “ha dimostrato la volontà di usare la forza militare contro i vicini”.
 
Il ministro Pinotti ha sottolineato che l’invio di militari italiani in Lettonia era stato concordato a luglio al vertice Nato di Varsavia: “L’Italia, come altre nazioni, ha dato la disponibilita’ di fornire una compagnia con numeri non molto consistenti all’interno di una organizzazione che prevede il coinvolgimento di moltissime nazioni della Nato”, ha ricordato a margine dell’assemblea Anci a Bari.
 
Non sono mancate, però, le critiche dall’opposizione.  I deputati M5S delle commissioni Esteri e Difesa hanno parlato di mossa “del tutto incompatibile con la pace, una mossa che rischia di esporre il nostro Paese a scenari bellici e che ci riporta indietro di trent’anni. La respingiamo al mittente. Mosca è, a nostro avviso, un partner strategico per il futuro dell’Italia, nonchè importante interlocutore per la stabilizzazione di tutto il Medio Oriente”. Per Arturo Scotto di Sinistra Italiana “non si puo’ riportare indietro la storia ai tempi della guerra fredda, neanche la Nato”. “Sinistra Italiana e’ contraria all’invio di militari italiani in Lettonia”, ha ribadito Scotto, “lo avra’ anche deciso il vertice Nato di Varsavia, ma il Parlamento italiano e’ sovrano ed e’ quello il luogo dove si compiono queste scelte. La ministra Pinotti venga in Parlamento”. 
 
Al summit di Varsavia fu deciso di evitare un’escalation verbale con la Russia, dopo un congelamento di due anni della cooperazione in tutti i campi in seguito alla crisi ucraina, avviando un dialogo. Al tempo stesso fu confermato il dispiegamento delle truppe Nato ai confini con la Russia già approvato, con quattro battaglioni operativi posizionati a rotazione in quattro Paesi, per un totale di 4.000 uomini. Nella seconda giornata del vertice era stato quindi confermato che il Canada guiderà la missione in Lettonia, mentre in Lituania la missione sarà a guida tedesca, la Gran Bretagna guiderà la missione in Estonia e gli Stati Uniti quella in Polonia. L’Italia e il Belgio contribuiranno con un impegno rispettivo di 150 uomini al rafforzamento dei confini in Europa orientale. Deciso anche il rafforzamento dello scudo antimissile nella base americana di Deveselu, in Romania, per colmare lo svantaggio dell’Alleanza nella regione del Mar Nero i seguito al ricongiungimento della Crimea a Mosca, giudicato illegittimo da Nato e Ue.
 
L’invio di soldati italiani in ambito Nato al confine orientale dell’Europa, di fronte alla Russia, “non fa parte di una politica di aggressione verso Mosca ma di una politica di rassicurazione e difesa dei nostri confini come alleanza atlantica”, ha assicurato Gentiloni in una conferenza stampa congiunta con Stoltenberg. “Queste decisioni”, ha aggiunto il titolare della Farnesina, “non influiscono minimamente nella linea di dialogo che l’Italia ha sempre proposto e condiviso con la Nato, dialogo deve andare in parallelo con le rassicurazioni agli alleati che si sentono a rischio”.

“La politica dell’Italia è sempre stata quella di dire che ci vuole il dialogo. Pensiamo che con la Russia si debba dialogare”, ha confermato da Bari  la Pinotti. “L’Italia”,  ha aggiunto, “fa parte di un’alleanza e, anche per portare con più forza la propria voce che e’ l’invito a non fare una escalation ma anzi a riaprire i canali di dialogo, quando vengono prese decisioni comuni fa la sua parte”.  (AGI)
 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.