TwitterFacebookGoogle+

'Ndrangheta, 40 arresti per appalti al Terzo Valico

Reggio Calabria – In manette 40 presunti appartenenti e affiliati alle cosche della ‘Ndrangheta “Raso-Gullace-Albanese” e “Parrello-Gagliostro”, indagati a vario titolo per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione, intestazione fittizia di beni e societa’ e nell’acquisizione di sub-appalti per la realizzazione dell’infrastruttura ferroviaria del “Terzo Valico”.  

Gli arresti e perquisizioni, sono eseguiti in Liguria, Calabria, Lazio, Piemonte ed in altre regioni del nord Italia. Le cosche, secondo quanto risulta dalle indagini, avrebbero messo le mani attraverso i loro affiliati in diverse regioni d’Italia, su alcuni sub appalti per la realizzazione delle linee ferroviarie ad alta velocita’. Le indagini, dirette dalla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo, sono state condotte dalla Squadra Mobile di Genova, Reggio Calabria e Savona. All’inchiesta ha collaborato anche il Centro Operativo D.I.A. di Genova, con i Centri D.I.A. di Reggio Calabria e Roma.

Sono stati accertati collegamenti con le famiglie di origine da parte di esponenti dell’organizzazione mafiosa che vivono in Liguria, attivi in settori strategici imprenditoriali edilizia ed il movimento terra anche attraverso  l’acquisizione di sub-appalti per la realizzazione dell’infrastruttura ferroviaria del “Terzo Valico” . Sono emersi contatti degli affiliati con politici locali, regionali e nazionali di Reggio Calabria e con funzionari dell’Agenzia delle Entrate e della Commissione Tributaria della provincia, per condizionare il loro operato. E’ stato eseguito il sequestro preventivo di beni mobili, immobili, depositi bancari di numerose societa’ riconducibili alle consorterie mafiose per un valore complessivo stimabile in circa 40 milioni di euro.  (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.