TwitterFacebookGoogle+

Nel 2017 'matrimonio' tra Repubblica e La Stampa

Milano – Un gruppo da oltre 750 milioni di euro di ricavi, con tre quotidiani nazionali che insieme vantano, al 2014, una diffusione media di piu’ di 555 mila copie al giorno. E’ la societa’ che nascera’ dall’incorporazione nel gruppo Espresso di Italiana editrice (Itedi), nata a sua volta nel 2015 dalla fusione tra la Editrice La Stampa della famiglia Agnelli e la Sep dei Perrone. L’incorporazione avverra’ nel 2017, portando sotto la stessa ‘casa madre’ tre storiche testate, La Repubblica, La Stampa e Il Secolo XIX.

L’INTESA:

Il gruppo Espresso, Fiat Chrysler e la Itedi della famiglia Perrone hanno firmato un memorandum d’intesa “finalizzato alla creazione del gruppo leader editoriale italiano nonche’ uno dei principali gruppi europei nel settore dell’informazione quotidiana e digitale” attraverso la fusione per incorporazione di Itedi nel gruppo Espresso. Lo si legge in una nota. Il perfezionamento dell’operazione “e’ previsto per il primo trimestre del 2017”. Cir manterra’ il controllo del gruppo editoriale che nascera’ dalla fusione per incorporazione di Itedi, la societa’ editoriale cui fanno capo La Stampa e Il Secolo XIX, nel gruppo Espresso, proprietario di Repubblica.

La holding dei De Benedetti avra’ “una quota superiore al 40%” della societa’ che restera’ quotata alla Borsa italiana. La fusione “avverra’ sulla base di un concambio che sara’ stabilito puntualmente negli accordi definitivi, subordinatamente alla due diligence e ad altre condizioni”. Le testate che saranno riunite nel gruppo Espresso dopo la fusione per incorporazione di Itedi “manterranno piena indipendenza editoriale”, si legge ancora nella nota. Al nuovo gruppo faranno capo i tre quotidiani nazionali Repubblica, La Stampa e Il Secolo XIX.

ELKANN, NASCERA’ SOCIETA’ LEADER NELL’INFORMAZIONE

“L’accordo che abbiamo raggiunto con il Gruppo l’Espresso portera’ alla creazione di una nuova realta’ nella quale fonderemo tutte le nostre attivita’ editoriali. La Societa’ sara’ leader nel settore dell’informazione in Italia, in grado di offrire la piu’ ampia e completa gamma di contenuti e di servizi giornalistici, in forma cartacea e digitale”, ha scritto il presidente di Fca, John Elkann, ai dipendenti di Itedi. 

GRUPPO ESPRESSO
Il gruppo Espresso, quotato in Borsa dal 1984 e controllato dalla famiglia De Benedetti tramite Cir, ha chiuso il 2015 con 605 milioni di euro di ricavi e un utile di 17 milioni di euro. La societa’ editoriale, sulla base dei dati aggiornati al 2014 raccolti da R&S Mediobanca in uno studio pubblicato a novembre, ha 2.366 dipendenti (di cui 1.076 giornalisti). 
Repubblica, principale quotidiano nazionale del gruppo, aveva a fine 2014 una diffusione media di 306 mila copie al giorno (in cinque anni il calo e’ stato del 31,8%) ed era seconda solo al Corriere della Sera (335 mila); le 18 testate locali (tra cui Il Tirreno, Il Piccolo e La gazzetta di Modena) hanno invece una diffusione media di 342 mila copie al giorno.

ITALIANA EDITRICE 
L’annuncio della nascita della societa’ e’ stato dato il 2 agosto del 2014: il nuovo gruppo editoriale ha riunito le attivita’ del Secolo XIX e La Stampa, con un forte radicamento nel Nord Ovest. Itedi e’ partecipata al 77% da Fca e al 23% dalla famiglia Perrone ed e’ presieduta da John Elkann. La sola editrice torinese – stando ai dati di R&S Mediobanca – aveva nel 2014, 107 milioni di euro di ricavi e 343 dipendenti (di cui 206 giornalisti). Sul fronte diffusionale, il gruppo arriva a 255 mila copie al giorno (202 mila per la Stampa e 53 mila per il Secolo XIX). (AGI)

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.