TwitterFacebookGoogle+

Nel Pd è l'ora della resa dei conti. Chi è contro chi

In attesa di capire cosa accadrà nel Pd e quale sarà la linea in vista dell’elezione dei nuovi presidenti di Camera e Senato e, soprattutto, delle consultazioni al Colle per la formazione di un nuovo governo, tra i dem è già iniziata la resa dei conti.

I big si affrettano a smentire l’intenzione di voler ‘trattare’ con i 5 stelle e il segretario dimissionario, Matteo Renzi, lancia la sfida: “Per me il Pd deve stare dove l’hanno messo i cittadini, all’opposizione. Se qualcuno del nostro partito la pensa diversamente, lo dica in direzione lunedì prossimo o nei gruppi parlamentari. Senza astio, senza insulti, senza polemiche: chi vuole portare il Pd a sostenere le destre o il Cinque Stelle lo dica. Personalmente penso che sarebbe un clamoroso e tragico errore”.

Richiesta di tregua

Quindi, Renzi chiede una tregua su se stesso: “Le elezioni sono finite, il Pd ha perso, occorre voltare pagina. Per questo lascio la guida del partito. Non capisco le polemiche interne di queste ore. Ancora litigare? Ancora attaccare me?”. A chi lo accusa di aver dato dimissioni finte, il leader dem garantisce: “Io ho già detto cosa farò, il parlamentare semplice”.

La corsa alla guida del Pd è di fatto già iniziata: anche se non vi fa alcun riferimento, scende in campo Carlo Calenda che annuncia via twitter l’intenzione di prendere la tessera. ed è subito un tripudio di “benvenuto”, a partire dal premier Paolo Gentiloni.

Oggi è anche la giornata dei big dem, che precisano la loro posizione: “Sono disposto a dare una mano se serve, non sono qui a sgomitare, anche perché non ho più l’età per cercare un posto”, spiega Sergio Chiamparino, il cui nome circola tra i papabili candidati alla segreteria.  Michele Emiliano torna ad insistere sul sostegno a un esecutivo pentastellato: “Il Paese non ha possibilità di attendere lunghe trattative, si deve sapere subito che il Pd sosterrà lo sforzo di governo del M5s”.

Dario Franceschini mette in chiaro: “Non ho mai pensato sia possibile fare un governo con i 5 stelle, e tantomeno con la destra”. Per il presidente dem, Matteo Orfini, “sarebbe irresponsabile” appoggiare un governo con gli estremisti. Anche Maurizio Martina chiarisce: “Gli elettori ci hanno dato un segnale inequivocabile e dopo cinque anni di governo, oggi, tocca ad altri l’onore e l’onore di guidare l’Italia. Bisogna che la nostra discussione sia all’altezza del problema e non degeneri in sterili polemiche inconcludenti”.

Orlando: “Né barzellette né inciuci”

Infine il leader della minoranza dem, Andrea Orlando, fissa alcuni punti: “E’ chiaro che la colpa di una sconfitta così non è addossabile solo a Renzi. Quindi, non basterà solo cambiare il segretario per risolvere i nostri problemi”. In secondo luogo, “evitiamo le barzellette: il momento è serio, non ci sono governisti a tutti i costi né fautori dell’opposizione, duri e puri, in costante presidio contro gli inciuci”.

Sul fonte dei vincitori, invece, iniziano le mosse di ‘avvicinamento’ e ‘abboccamento’. E al di là delle dichiarazioni ufficiali, sia i 5 stelle che il centrodestra guardano al Pd ‘derenzizzato’ per tentare di avere i numeri necessari a dar vita ad un governo. Una lista di circa 10 punti programmatici da proporre agli altri partiti è l’idea sul tavolo di Luigi Di Maio.

Il Movimento, si apprende da fonti autorevoli pentastellate, continua a guardare al Pd, a patto che sia orfano di Matteo Renzi: sono in tanti tra i 5 stelle a dire che si preferirebbe un dialogo con il centrosinistra. Ma ciò che emerge con ancor più nettezza, almeno ad oggi, è l’orientamento a rifiutare un’intesa con la Lega di Matteo Salvini. Il quale, a sua volta, guarda ai dem: “Renzi è vittima della sua arroganza. Peccato, perché c’è una tradizione di sinistra che non vota o che guarda alla Lega e cercheremo di raccogliere queste forze”. Quindi spega come si muoverà: “Non facciamo accordi partitici o politici, noi abbiamo un programma: chi condivide il programma ci sta bene”.

Spariglia le carte il responsabile economico della Lega, Claudio Borghi, che dice: “Attenzione, Salvini ha escluso ipotesi di un governo tra Lega e 5 stelle”, mentre un governo “centrodestra e cinque stelle sarebbe tutta un’altra storia”. Infine, dopo giorni di silenzio, torna a parlare Silvio Berlusconi: “Confermo che nel rispetto verso gli alleati e nel rispetto dei patti intercorsi rimango leader di FI, sarò il regista del centrodestra, sarò il garante della compattezza della coalizione”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.