TwitterFacebookGoogle+

Niente processo per i soldati francesi accusati di stuprare bambini in Centrafrica

Non ci sarà nessun processo per i soldati francesi accusati, tre anni fa, di aver violentato dei bambini mentre erano di stanza in Repubblica Centrafricana. Tre anni dopo le prime accuse, la giustizia transalpina ha deciso di non procedere dopo una delicata indagine che lascia molte domande senza risposta e delude le parti civili. In conformità con le richieste dell’ufficio del procuratore di Parigi, i giudici inquirenti hanno ordinato la chiusura del fascicolo per mancanza di “accuse sufficienti”.

“Gli abusi ci sono stati”. Ma…

Il caso, esploso nel 2015, aveva offuscato la reputazione dell’esercito francese schierato nel Paese sotto gli auspici dell’Onu per ripristinare la sicurezza in una nazione straziata da violenze interconfessionali. Il quotidiano britannico The Guardian riportò un memo interno dell’ONU che documenta le interviste di sei ragazzi di età compresa tra i 9 ei 13 anni che accusavano i soldati di averli violentati tra il dicembre 2013 e il giugno 2014, nel campo profughi dell’aeroporto M’Poko di Bangui, in cambio di denaro e cibo. Il pubblico ministero sottolinea che “non si può dire (…) che non siano stati commessi abusi sessuali”, ma ritiene che le incongruenze e “la variazione delle testimonianze non consentano per stabilire fatti dettagliati e circostanziati contro i militari”.

La Procura di Parigi aveva aperto un’indagine nel luglio 2014, che era rimasta segreta. Da allora, sono scoppiati altri scandali che hanno coinvolto contingenti di altri Paesi e le Nazioni Unite sono state spesso criticate per la loro mancanza di reattività. I 2.000 uomini impiegati nella missione Sangaris sono stati dispiegati tra il 2013 e il 2016 nella Repubblica Centrafricana, un paese minato dalle violenze tra ribelli musulmani e militanti cristiani in seguito al rovesciamento dell’ex presidente Francois Bozizé.

“Abbiamo assistito dall’inizio delle indagini alla cronaca di un non luogo annunciato”, ha risposto Rodolphe Constantino, avvocato dell’associazione Childhood and Sharing, che ha annunciato appello. I giudici hanno fatto riferimento a indagini “particolarmente complesse” e sottolineato le difficoltà legate alla raccolta di prove nel bel mezzo del conflitto armato e alla complessità dell’ottenerle dalle Nazioni Unite.

I dubbi degli inquirenti

Nelle prime testimonianze non filmate, i bambini hanno fornito dettagli come soprannomi o caratteristiche fisiche dei soldati – come un tatuaggio – per individuare una dozzina di possibili assalitori, che sono stati auditi. I giudici francesi hanno ascoltato nuovamente i bambini a Bangui nel 2015 e nel 2016. Ma queste audizioni, condotte molto tempo dopo gli eventi, hanno sollevato dubbi. Un bambino ha detto di aver riconosciuto il suo aggressore in un uomo che non era un soldato. Un altro ha ammesso di aver mentito. Un altro ha detto di aver letto il nome di un soldato sulla sua uniforme, ma un test ha dimostrato che non poteva decifrare la parola “mamma”.

Alcuni soldati hanno detto di aver dato razioni di cibo ai bambini, in un contesto di grande povertà, ma hanno negato qualsiasi abuso sessuale e le intercettazioni non hanno individuato nulla. Nel telefono di uno di loro sono state trovate dozzine di video porno, tra cui otto di pedopornografia, una cifra troppo bassa per caratterizzare un profilo pedofilo, laddove i download accidentali sono comuni su siti pornografici, secondo una fonte vicina all’inchiesta. 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.