TwitterFacebookGoogle+

No Renzi Day, migliaia in piazza a Roma – VIDEO 

Roma – I sindacati di base sono scesi in piazza a Roma per il No Renzi Day, una manifestazione nazionale indetta dal ‘Coordinamento No Sociale’, per dire No alla riforma costituzionale sulla quale i cittadini sono chiamati a esprimersi il prossimo 4 dicembre con il referendum. I promotori, tra cui esponenti della sinistra, Rifondazione Comunista, forze del sindacalismo di base e della sinistra sociale e politica, hanno spiegato di volere un “No” alla Controriforma Costituzionale “e a tutti i suoi autori nel nome del popolo sfruttato, precario, senza lavoro, impoverito, avvelenato”.

 

In particolare la protesta vuole sensibilizzare sui temi sociali come “il lavoro, la formazione e la scuola pubblica, la casa, il reddito, lo stato sociale e i beni comuni in mano pubblica”. E ancora “l’ambiente e la democrazia, la democrazia e la sicurezza sui luoghi di lavoro”. I manifestanti rivendicano pure “la libertà e la sovranità democratica del popolo italiano, oggi sottoposta ad un vergognoso attacco da parte dei governi degli Usa (il riferimento è al’endorsement di Obama per il Sì, ndr) , della Germania e dalla burocrazia della Ue”. 

A sfilare in corteo sono state “oltre 40.000” persone, ha riferito l’Usb. Con questa manifestazione “lanciamo un No secco al tentativo di Renzi di stravolgere la Costituzione e i diritti, a cominciare da quello del lavoro”. Gli organizzatori hanno non soltanto invitato a respingere la riforma della Carta Costituzionale, ma hanno anche duramente attaccato il governo Renzi e le “politiche liberiste”, “i padroni” e le riforme degli ultimi anni si sono tradotte in “una macelleria sociale”. I manifestanti hanno anche più volte ricordato Abd Elsalam, operaio “ucciso mentre lottava per i diritti di tutti”, come è scritto su uno striscione. Alla manifestazione hanno partecipato anche alcuni vigili del fuoco precari e il segretario di Rifondazione Comunista, Paolo Ferrero: “Questa manifestazione e’ perfettamente riuscita”, ha detto quest’ultimo aggiungendo: “Siamo qui per dire No a una Costituzione renziana che serve solo a fare gli interessi delle grande banche e delle grandi aziende. Bisogna invece far lavorare i giovani – ha continuato Ferrero – e modificare questa legge di Stabilita’”. Alla manifestazione, battezzata ‘No Renzi day’ dagli organizzatori, hanno partecipato numerosi migranti. A scendere in piazza è stato il ‘popolo rosso’, che ha sventolato bandiere di Rifondazione Comunista, dell’Unione dei sindacati di base, del Partito comunista dei lavoratori e anche del Pci. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.