TwitterFacebookGoogle+

Non c’è obiezione che tenga

ospedaleL’obiezione di coscienza fu introdotta nel 1978 con la legge 194. A quel tempo aveva un senso: salvaguardare i diritti acquisiti di chi era stato assunto per fare un certo lavoro, e non voleva farne un altro che eticamente non condivideva. Ma molti medici obiettori sono stati assunti dopo il 1978, e qualcuno di essi è probabilmente già andato in pensione. Gli obiettori sono oggi così tanti da rendere spesso difficile prestare il servizio. Per fortuna, c’è chi comincia a dire “basta”. La Regione Lazio, superando diverse resistenze, ha assunto due medici con lo specifico incarico di praticare aborti: se si dichiareranno obiettori in seguito, rischieranno provvedimenti che potranno arrivare al licenziamento.

Perché sono stati assunti per fare un certo lavoro: e se è legittimo cambiare idea in seguito, non è etico pretendere di essere pagati senza lavorare. Perché a prescindere dalla tua età, dalla tua storia, dalle tue motivazioni, dal tuo stato d’animo, se sei una donna che ha deciso di ricorrere a un’interruzione di gravidanza, hai il sacrosanto diritto di ottenerla. Perché se nel vostro reparto, per fede o per convenienza, siete tutti obiettori, allora quel sacrosanto diritto glielo state negando, e nel contempo la state costringendo a inutili sofferenze. Provate a dimostrare il contrario.

Raffaele Carcano

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.