TwitterFacebookGoogle+

Norcia, capitale dei salumi che ha ha inventato la norcineria

Norcia – San Benedetto, i salumi e i tartufi: Norcia è famosa in tutta Italia e all’estero per questo accostamento di sacro e gastronomia che ha reso il borgo della Valnerina una straordinaria meta turistica. Così, dopo Amatrice con la sua pasta, un’altra capitale della cucina italiana dovrà rinascere dalle macerie per continuare una tradizione secolare di genuinità.
Norcia, in particolare, può vantare il suo Tartufo Nero Pregiato e il suo Prosciutto IGP, ma dai suoi vicoli si sprigionava il profumo di insaccati di ogni genere. Del resto questa cittadina di 5mila abitanti ha dato il nome alla norcineria, l’arte di lavorare la carne di maiale per farne salumi. Il suo sviluppo si deve a una forte influenza romana: qui, infatti, furono condotti gli schiavi giudei delle conquiste in Oriente che introdussero la tecnica dell’essiccazione e la adattarono alla carne di maiale, contaminando le loro tradizioni con spezie locali. (AGI)
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.