TwitterFacebookGoogle+

Notte di san Lorenzo, pioggia di stelle cadenti fino a sabato

Roma – Da stanotte, ma soprattutto da domani notte e fino a sabato sera saremo letteralmente avvolti da una pioggia di stelle cadenti. Le Perseidi, e cioe’ questa nuvola di materiale spaziale – principalmente lo strascico della coda della cometa Swift-Tuttle – quest’anno saranno molto visibili e potranno dar luogo a una pioggia di stelle cadenti eccezionale.

Se pero’ questa notte e’ da sempre considerata un po’ speciale, occorre dire che lo e’ davvero, perche’ il ruolo che le stelle cadenti potrebbero aver giocato nella storia del nostro pianeta e’, spiega Giovanni Bignami, astrofisico e accademico dei Lincei, ”fondamentale”.

“Lo scienziato inglese Fred Hoyle ha ipotizzato che la vita si sia propagata nell’Universo attraverso le Comete, sulle quali sarebbero presenti tracce di molecole organiche complesse, che sono i mattoncini di base che costituiscono la vita” spiega Bignami. Questa teoria, nota col nome di Panspermia, ”e’ stata – ha aggiunto – poi confermata due anni fa dalla Sonda Rosetta dell’Agenzia Spaziale Europea che e’ arrivata proprio su una cometa”. Ogni volta che capita di vedere una stella cadente, che e’ un frammento di cometa e dunque porta con se’ quelle molecole “mi piace pensare di stare ad osservare il momento in cui il nostro Pianeta viene inseminato dalla vita”, conclude Bignami.

Vedere le stelle cadenti che penetrano l’atmosfera terrestre e si incendiano al contatto coi gas terrestri e’ dunque un passaggio chiave nella comprensione delle relazioni che intercorrono tra il nostro pianeta e lo spazio esterno. La caduta di questi detriti di cometa, circa quattro miliardi di anni fa, in quelli che allora erano i mari primordiali della Terra potrebbe aver fornito quei materiali base (molecole e composti organici) che poi sarebbero stati alla base della ben piu’ complessa molecola della vita: il DNA. Anche allora, come oggi, ci fu una bellissima pioggia di stelle cadenti. Contrariamente a quanto immaginiamo, questo fenomeno di contaminazione dalla spazio, non si e’ concluso allora, ma e’ continuato, ogni anno e nelle prossime sere, avremo il piacere di osservarlo in diretta e a occhio nudo. C’e’ insomma davvero qualcosa di particolare in questo fenomeno, un qualcosa che va molto al di la’ dell’effetto scenografico e suggestivo delle stelle infuocate che attraversano il cielo d’estate. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.