TwitterFacebookGoogle+

Notte di sangue a Napoli, uccisi due ragazzi di 17 e 19 anni

(AGI) – Napoli, 6 set. – Notte di sangue a Napoli: in due diversi agguati sono stati uccisi due ragazzi di 17 e 19 anni.

Il prmio omicidio e’ avvenuto alle 4:50 a piazza Sanita’, zona del capoluogo campano ad alta fibrillazione nella criminalita’ organizzata, davanti la chiesa di San Vincenzo. Nel luogo dove il minore e’ stato colpito da sicari, la Scientifica della polizia ha trovato 18 bossoli di due calibri diversi, sparati da un’arma 9×21 e una 357. Il ragazzo, G.D.C., nato nel 1998, aveva precedenti penali, compresa la rapina. Dopo essere stato colpito, il 17enne e’ stato portato da conoscenti all’ospedale Pellegrini, dove pero’ e’ giunto cadavere. Aveva ferite mortali allo sterno e alla schiena.

Un 19enne e’ stato invece ucciso con modalita’ che sembrano di camorra nel quartiere di Ponticelli, area dove da tempo si registrano fibrillazioni nei clan. Antonio Simonetti, precedenti per furto e rapina, e’ stato portato da familiari a Villa Betania gia’ cadavere, colpito da 5-6 proiettili alla testa e al torace. Secondo quanto riferito da parenti alla polizia, che indaga sull’accaduto, intorno alle 20.10, due persone a bordo di uno scooter scuro lo hanno avvicinato mentre usciva dal negozio di detersivi della sorella in via De Meis, al piano terra della palazzina in cui abita la famiglia, e gli hanno sparato. Sul posto, la Scientifica ha trovato 8 bossoli calibro 9×21. A poca distanza di tempo (alle 20.30 circa) e di luogo (in corso Protopisani, sempre nella zona Est di Napoli, raggiungibile da via de Meis percorrendo via Argine), un episodio singolare che al momento non sembra collegato all’omicidio. Pasquale Troise, 33 anni, incensurato (tranne che per una segnalazione di irregolarita’ nella detenzione di un’arma) e’ stato portato dalla polizia municipale all’ospedale Loreto Mare come centauro vittima di incidente, insieme al guidatore di una vettura contusi che poi si e’ allontanato. Troise ha vari traumi, tra cui uno cranico, ma i medici gli hanno riscontrato anche una ferita alla gamba sinistra da pallottola; inoltre, la moto su cui viaggiava e’ stata portata via da qualcuno dal luogo dell’incidente. Anche questo caso e’ affidato alla polizia.

Quella trascorsa e’ stata la seconda notte di raid con spari a Napoli nel quartiere di Soccavo. Alle 23 la prima segnalazione alla polizia, colpi di arma da fuoco in via IV novembre, dove sono stati trovati bossoli calibro 9×21. Alle 4.30 presa di mira una villetta in via Bucoliche; ignoti hanno scavalcato il muro di cinta e scaricato una quarantina di colpi calibro 7,62 contro l’ingresso, una parete e la vettura Smart parcheggiata. Nella villetta abitano madre e due figlie gemelle, tutte disoccupate ma in censurate, cosi’ come l’ex marito della donna. Anche nel raid precedente tra via Tertulliano e via Romolo e Remo era stata presa di mira in particolare una donna, con raffiche contro la pizzeria che gestisce, ma aveva precedenti tra cui reati con finalita’ mafiose. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.