TwitterFacebookGoogle+

Nozze gay, l’Anci contro Alfano, Fassino: «Decidiamo noi sindaci»

Nozze gay, l’Anci contro Alfano, Fassino: «Decidiamo noi sindaci»09/10/2014 – di

Il primo cittadino di Torino richiede un incontro con il premier e il ministro dell’Interno.

Torino: non si placa la polemica tra i sindaci e il ministro Angelino Alfano, che vieta ai comuni la trascrizione dei matrimoni gay celebrati all’estero. Il sindaco Piero Fassino, in qualità di presidente Anci, scrive ad Alfano e chiede un incontro al presidente del Consiglio Matteo Renzi: «Non si può affidare a ordinanze prefettizie competenze che la legge riconosce in capo agli enti locali». Lunedì, in Consiglio comunale, si discuterà della mozione presentata dal radicale Silvio Viale, da Luca Cassiani (Pd) e da Chiara Appendino, del Movimento 5 Stelle, sulla trascrizione delle nozze gay. Mozione che probabilmente passerà con un’ampia maggioranza.

Roberto Monaldo/LaPresse

Roberto Monaldo/LaPresse

LE DIRETTIVE COMUNITARIE – Ilda Curti, assessore alle Pari opportunità, ha già spiegato di essere «favorevole», visto che vi sarebbe altrimenti un problema rispetto alle direttive comunitarie, infatti in diversi paesi dell’Ue le unioni tra persone dello stesso sesso sono permesse. «Se dovessero arrivare due tedeschi che hanno contratto il matrimonio all’estero e che chiedono la residenza qui perché dovremmo rifiutarci e negare loro il diritto a essere coniugi?», si chiede la Curti.

Leggi anche:Registrazioni unioni gay: guerra tra Alfano e i sindaci

FASSINO SCRIVE AD ALFANO – I consiglieri Silvio Viale, Chiara Appendino, Luca Cassiani, Laura Onofri, Lucia Centillo, Vittorio Bertola, Piera Levi Montalcini e Alessandro Altamura chiedono un intervento di Fassino: «Faccia un’ordinanza e permetta le trascrizioni, come ha fatto il suo collega di Bologna». Fassino dal canto suo ha giù scritto ad Alfano: «La trascrizione delle unioni coniugali contratte all’estero è materia delicata per essere lasciata al caso per caso. Né d’altra parte, si può accettare di affidare la materia a ordinanze prefettizie su competenze che la legge riconosce in capo agli enti locali. Per questo chiedo un incontro urgente con il ministro e il premier Renzi». A fianco di Fassino e dei sindaci, nella lotta per i diritti degli omosessuali scende anche il presidente della Regione Sergio Chiamparino perché i primi cittadini «danno un segnale politico, serve una decisione del Parlamento che europeizzi l’Italia su questo punto»

(Photocredit: Federico Ferramola/LaPresse & Roberto Monaldo/LaPresse)

Original Article >> http://www.giornalettismo.com/archives/1628651/nozze-gay-lanci-contro-alfano-fassino-decidiamo-sindaci/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.