TwitterFacebookGoogle+

Nozze gay, Pisapia sfida Alfano: “Oggi ho trascritto 7 matrimoni tra omosessuali”

PisapiaRedazione– “Oggi pomeriggio ho firmato personalmente, in qualità di ufficiale di Stato Civile, la trascrizione di sette matrimoni tra persone dello stesso sesso che si sono celebrati all’estero“. 
E’ quanto scrive il sindaco di Milano Giuliano Pisapia dopo la decisione del ministro dell’Interno Angelino Alfano di inviare una circolare a tutti i prefetti d’Italia, affinché invitino i primi cittadini a non procedere con le trascrizioni.

Una scelta che ha scatenato polemiche e bufere, nonché la chiara disobbedienza di Pisapia, che annuncia la sua iniziativa su Facebook. Si è trattato, a suo dire, di un “atto nel pieno rispetto della legge che prevede questo obbligo quando si tratta di matrimoni celebrati legittimamente secondo le norme dei Paese in cui si sono svolti”.

Per il primo cittadino, quello delle trascrizioni è nient’altro che “un ulteriore passo avanti di Milano come ‘Città dei Diritti‘ dopo il registro delle unioni civili, l’estensione alle coppie di fatto delle misure per il sostegno al reddito, il testamento biologico, lo sportello per la consulenza per la fecondazione eterologa e tante altre iniziative sui diritti sociali e civili che abbiamo promosso in questi anni”.

“Spero che quanto stanno facendo in questi giorni molti sindaci serva anche a sollecitare il Parlamento a varare una legge nazionale che possa superare ogni forma di discriminazione“, ha dunque concluso.

-9 ottobre 2014-

Share Button

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.