TwitterFacebookGoogle+

Nuova recensione sul sito: “Dio odia le donne” di Giuliana Sgrena

Sgrena-Dio-odia-donne3Una nuova recensione è stata pubblicata nella sezione Libri del sito UAAR.

Il volume è Dio odia le donne di Giuliana Sgrena (Il Saggiatore, 2016)

Recensione a cura di Raffaele Carcano e Adele Orioli.

Non è il primo libro sul difficile rapporto tra la religione e il mondo femminile. Tuttavia, Dio odia le donne si staglia nettamente sopra gli altri sotto diversi punti di vista. Innanzitutto, è un compendio snello ed essenziale, ma non per questo superficiale, che riesce ad avere una scorrevolezza delicata anche nell’affrontare pratiche e precetti che di delicato hanno poco. Ha inoltre il pregio di poter rintracciare e confrontare i testi sacri («gli strumenti di questa aggressione») dai quali viene fatta derivare una generale sottomissione femminile. Soprattutto, apre senza imbarazzo la riflessione su temi di assoluta attualità, dall’infibulazione all’obbligo del velo, dalla contaminazione mestruale alla gestazione per altri.

La riflessione è condotta anche attraverso le coinvolgenti esperienze personali dall’autrice, che non si sottrae alla partigiana onestà intellettuale di dichiararsi donna atea. Una donna atea che persino nei momenti più bui del suo rapimento non ha sentito alcuna necessità, alcun afflato verso un altro modo di pensare. E che ben sottolinea come anche nella morte il non credente non possa nemmeno aspirare a un funerale, per mancanza di luoghi e carenza di volontà, in uno stato che è ancora lontano dall’essere davvero laico.

Le donne, proprio perché colpite e oppresse in misura esponenziale all’integralismo dei tre monoteismi, dall’autrice analizzati con assoluta imparzialità, si ritrovano a essere anche le più religiose, le più credenti e praticanti, le “naturali” prosecutrici di quelle tradizioni che dalla loro devozione traggono la forza per limitare (e talvolta letteralmente cancellare) i loro diritti. Tradizioni religiose più o meno rielaborate anche in tempi recentissimi a seconda della convenienza e che vedono le donne discriminate su più fronti, a cominciare da quello economico. Eppure, proprio per questo maggior valore assumono le tante testimonianze che l’autrice riporta dell’impegno delle organizzazioni e delle singole persone, spesso donne a loro volta, che andando controcorrente si sono battute e si battono tuttora ogni giorno per porre fine all’oppressione di genere.

Nel testo viene più volte ricordato come l’emancipazione dal velo costituisca un pre-requisito per la ricerca di un lavoro e cercare quindi di raggiungere un’indipendenza dignitosa. Ma le pratiche discriminatorie non sono circoscritte a paesi ritenuti lontani nel tempo, nello spazio e nella mentalità. È anche molto vicina a noi, da noi: lo svuotamento progressivo della legge 194 sull’interruzione di gravidanza, gli anatemi attualissimi contro l’aborto e la perdurante condanna di pressoché ogni forma di contraccezione che non sia l’astinenza ne sono solo un esempio. La tolleranza, ammonisce l’autrice, deve avere un limite, «altrimenti, proprio qui in Europa, un giorno ci troveremo sedute in fondo all’autobus, come succede non solo in Iran ma anche in Israele, isolate su spiagge riservate a sole donne e segregate nelle scuole».

Giuliana Sgrena ha scritto un libro coraggioso, in un’epoca in cui la fascinazione verso alcuni leader religiosi riesce a velare i pesanti attacchi portati quotidianamente ai diritti delle donne. Dio odia le donne rafforza una certezza: quanto sia umano, e solo umano, questo odio.

 

Raffaele Carcano e Adele Orioli

 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.