TwitterFacebookGoogle+

Obama riceve Trump, insieme per affrontare le sfide

di Rita Lofano

Washington – Primo incontro ufficiale tra il presidente uscente degli Stati Uniti, Barack Obama e il presidente eletto Donald Trump che, con la moglie Melania, è stato ricevuto dall’attuale inquilino della Casa Bianca e dalla first lady Michelle. I due presidenti si sono intrattenuti a colloquio nello Studio Ovale per un’ora e mezza mentre Michelle ha mostrato a Melania la residenza privata, al piano superiore, compresa la famosa finestra da dove si può vedere il presidente al lavoro.

Al termine dell’incontro, scambio di cortesie tra Barack e Donald: Obama ha descritto il suo successore come “un eccellente conversazione” e ha promesso che farà “tutto ciò che gli sarà possibile” affinché il il nuovo inqulino del 1.6000 di Pennsylvanya Avenue abbia successo. Trump ha ricambiato la gentilezza usando toni ben diversi da non quelli cui ci ha abituato durante la campagna eletorale:  “E’ stato un onore incontrare il presidente Barack Obama. Abbiamo parlato per oltre un’ora e mezza e la nostra conversazione sarebbe potuta proseguire ancora”. 

Due presidenti alla Casa Bianca, Obama e Trump 90 minuti di colloquio – Foto

Al di là della forma, il presidente in carica si è detto colpito positivamente dal suo ineterlocutore: “Abbiamo parlato di questioni organizzative per la Casa Bianca. Abbiamo parlato di politica estera e di politica interna – ha riferito – e sono incoraggiato dall’interesse mostrato dal presidente Trump a lavorare con la mia squadra sulle molte sfide che il nostro Paese deve affrontate. Penso che sia importante, indipendentemente dai partiti e della preferenze politiche, lavorare ora insieme per affrontare le sfide”. Quindi ha ribadito che la sua priorità nei prossimi due mesi “sarà quella di facilitare la transizione per assicurare che il nostro presidente eletto sia di successo… perché se lui avrà successo avrà successo il Paese”. 

Accantonati i veleni della campagna elettorale, Trump ha poi definito il presidente in carica “davvero una brava persona. Non ci eravamo mai incontrati prima – ha affermato – per me è stata un’occasione importante per discutere con il presidente le difficoltà e i problemi che vedo in questo Paese”. Quindi si è detto “impaziente di lavorare con il presidente” Obama. 

Oggi il ministro della Difesa, Ashton Carter, ha informato ufficialmente le forze armate del trasferimento dei poteri in corso e il briefing quotidiano dei servizi di intelligence è stato esteso anche a Trump e al suo vicepresidente, Mike Pence.Nei prossimi 72 giorni, cioè fino all’inaugurazione del 20 gennaio, Trump dovrà definire la nuova squadra di governo. Quanto ai restanti incarichi pubblici che dovrà assegnare, circa 4.000, l’iter partirà dopo l’inaugurazione anche perchè alcuni richiedono il disco verde del Senato, oltre che dell’intelligence.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.