TwitterFacebookGoogle+

Occhio a Stantinko, malware che crea fake account su Facebook

Si chiama Stantinko il nuovo malware nascosto nelle pubblicità sul web in grado di creare account finti su Facebook che possono a loro volta mettere “Mi piace” sulle immagini, sulle pagine e addirittura aggiungere amici. Il virus avrebbe già colpito 500mila utenti. Lo rivelano i ricercatori di Eset, noto produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, che hanno identificato Stantinko, definendolo una backdoor modulare. Questo malware attraverso un complesso sistema di infezione spinge le vittime ad installare due estensioni per il browser, ‘The Safe Surfing’ e ‘Teddy Protection’, entrambe disponibili sul web store di Google Chrome.

“Queste estensioni – spiega Eset in una nota – sembrano a prima vista legittime ma, una volta installate, ricevono una configurazione differente che contiene delle indicazioni per effettuare numerose attività fraudolente, come ricerche anonime su Google per trovare siti sviluppati con Joomla e WordPress ed eseguire attacchi brute force su di essi, generare falsi clic ed inserire annunci pubblicitari non desiderati, ottenendo in questo modo un ritorno economico da tutto il traffico fornito agli inserzionisti. La capacità di Stantinko di evitare la rilevazione degli antivirus si basa su sofisticate tecniche di offuscamento e sulla possibilità di nascondersi dietro codici che sembrano legittimi; è difficile poi liberarsene perché ogni modulo da cui è composto ha la capacità di reinstallare l’altro nel caso venisse eliminato dal sistema. Per risolvere del tutto il problema, l’utente deve eliminare contemporaneamente entrambi i moduli”. 

Per maggiori informazioni leggi qui 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.