TwitterFacebookGoogle+

Oltre 170mila euro per rifare il trucco a Lenin, rabbia sul web

Mosca – Oltre 170mila euro: questa la cifra esorbitante che quest’anno, in piena crisi economica, sborseranno le autorità russe per garantire la conservazione del corpo imbalsamato di Lenin. La somma stanziata dal budget federale, resa nota dall’Agenzia statale per l’approvvigionamento, servirà per mantenere la salma del padre della Rivoluzione russa in “condizioni realistiche” attraverso un “trattamento di natura biomedica”.

Non è noto quale istituto si occuperà del lavoro, ma con ogni probabilità sarà il centro di ricerca di biotecnologie russo, lo stesso che si occupa del restauro delle singole parti del corpo del leader dei bolscevichi sin dalla sua prima ‘apparizionè nel mausoleo nella Piazza Rossa di Mosca nel 1924.

Sul web la notizia ha scatenato un’ondata di proteste, anzititto l’esborso per “la conservazione di una mummia” ritenuto inopportuno in tempi di tagli al bilancio. Gli stessi nostalgici del comunismo ritengono che questa idolatria dell’immagine sia in contrasto con l’ideologia leninista. Già negli anni post-sovietici in molti criticarono l’esposizione di Lenin in una bara di vetro. E da un recente sondaggio è emerso che il 62% degli intervistati è favore di una sepoltura del padre del proletariato, un’idea puntualmente rigettata dal Cremlino. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.