TwitterFacebookGoogle+

Omicidio Maria Grazia Cutuli: al via secondo processo a Roma

(AGI) – Roma, 14 set. – Con le prime eccezioni preliminari e l’ammissione delle prove ha preso il via, davanti alla prima corte d’assise di Roma, il secondo processo per l’omidicio di Maria Grazia Cutuli, la giornalista del Corriere della Sera uccisa il 19 novembre del 2001 assieme ad altri tre reporter. Gli imputati, collegati in videoconferenza da un carcere del loro Paese dove stanno scontando 16 e 18 anni di reclusione per questo delitto, sono Mamur e Zar Jan, identificati rispettivamente come figlio di Golfeiz e di Habib Khan perche’ in Afghanistan non esiste l’anagrafe. I due, di etnia pashtum, devono rispondere di concorso nell’omicidio per motivi politici della giornalista e di concorso in rapina, per essersi impossessati di una radio, di un computer e di una macchina fotografica che la Cutuli aveva con se’. Per questo agguato, in passato, un afghano era stato assolto, per dubbi legati alla sua identificazione, due erano stati prosciolti per insufficienza di prove mentre il presunto leader della banda, Reaza Khan, arrestato e processato a Kabul nel 2007, e’ stato successivamente giudiziato. Questo secondo nuovo processo entrera’ nel vivo a novembre con la testimonianza in aula dell’ex capo della Digos, Lamberto Giannini e dell’ex ambasciatore italiano in Afghanistan, Domenico Giorgi. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.