TwitterFacebookGoogle+

Onu: mortalita' bimbi dimezzata in 25 anni ma l'obiettivo era un calo del 75%

(AGI) – Parigi, 9 set. – La mortalita’ infantile nel mondo si e’ piu’ che dimezzata (-53%) negli ultimi 25 anni anche se l’obiettivo (uno dei Millennium Development Goals fissati dall’Onu nel 2000) era di ridurla del 75%. I bambini sotto i 5 anni morti sono passati da 91 su 1.000 nati nel 1990 a 43 su 1.000 nel 2015 secondo i dati pubblicati dalla prestigiosa rivista media Lancet sulla base di studi condotti dalle agenzie dell’Onu, Unicef e Organizzazione Mondiale della Sanita’ (Oms). Tradotte le percentuali in cifre piu’ brutali si e’ passati da 12,7 milioni di bambini morti nel 1990, la maggior parte per cause prevedibili, ai 5,9 milioni di quest’anno. L’Onu intende rilanciare puntando ad un tasso di mortalita’ infantile di 25 bambini su 1.000 da qui al al 2030. Obiettivo, “Sustainable Development Goals” (Sdg), che sara’ approvato a fine mese dall’Assemblea Generale dell’Onu . Meta’ dei bambini morti sono deceduti per malnutrizione e il 45% durante i loro primi 28 giorni di vita. Le altre cause di decesso precoce sono complicazioni legate al parto, nadcite premature, polmonite, diarrea, setticemia e malaria. I Paesi dove i piccoli sotto i 5 anni muoiono di piu’ sono quelli dell’Africa occidentale. Dati positivi, invece, ermegono da due macro-aree: l’Asia orientale ed il Pacifico, insieme con l’America e i Caraibi. Qui 62 nazioni hanno centrato l’obiettivo della riduzione del del tasso di mortalita’ incluse Etiopia, Eritrea, Bangladesh, Georgia, El Salvador, Bolivia, Egitto, Cambogia, Nepal e Yemen. In ogni caso i dati sono incoraggianti perche’ il declino della mortalita’ infantile e’ accelerato tra il 2000 ed il 2015 rispetto al decennio 1990-2000: in 102 Paesi sono morti nell’ultimo 15ennio 18 milioni di bambini in meno, comunque un’enormita’, ma il trend e’ al ribasso Se si mantenesse costante il tasso di mortalita’ 94 milioni di bambini moriranno prima di compiere un anno nei prossimi 15 anni. Ma se si continua a migliorare il numero scenedera a 69 milioni, per ‘crollare’ a 56 milioni se sara’ – promettono al Palazzo di Vetro – rispettato il nuovo obiettivo del Sustainable Development Goals. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.