TwitterFacebookGoogle+

Opposizioni contro Obama, "lo ha letto il ddl Boschi?"

Roma –  Coro di critiche del fronte del No all’endorsement dato da Barack Obama a Matteo Renzi sul referendum costituzionale.”Barack Obama sbaglia di grosso”, ha twittato Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera, “l’unica cosa che può aiutare Italia è la vittoria No al referendum, con democrazia salva e Matteo Renzi a casa”. 

 

#referendum @BarackObama sbaglia di grosso. Unica cosa che può aiutare Italia è vittoria No, con democrazia salva e @matteorenzi a casa

— Renato Brunetta (@renatobrunetta) 18 ottobre 2016

 

“Anche Renzi, finalmente, ammette che, se vince il No al referendum costituzionale non ci sara’ un’invasione delle cavallette o la fine del mondo”, si legge in una nota dei deputati M5S della commissione Affari costituzionali. “Il presidente del Consiglio”, prosegue la nota, “alla disperata ricerca di visibilità presso la corte di Obama dato che in Europa i leader non lo invitano neanche più alle conferenze stampa, cerca di raccattare qualche voto per il suo obbrobrio. Ci chiediamo, inoltre – concludono – se l’Amministrazione statunitense abbia letto per intero il ddl Boschi o se, piuttosto, si sia fidata dell’illustrazione del pinocchio fiorentino”. 

 “Dopo i lobbisti di mezzo mondo, le banche d’affari e i finanzieri”, ha scritto su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, arriva il sostegno al sì al referendum di Renzi anche da Barack Obama, il presidente degli Stati Uniti che con la sua incapacità ha fatto prosperare l’Isis e ha gettato il mondo nel caos. Ma saranno gli italiani a decidere del proprio futuro votando no al referendum, no alle politiche fallimentari di Renzi e no alle interferenze dei poteri forti e delle Nazioni straniere”. (AGI)

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.