TwitterFacebookGoogle+

Ostaggio di una setta: 19enne ritrovata nella giungla peruviana

La giovane aveva conosciuto su internet il “guru” della setta ed era finita nel suo harem. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di tratta di esseri umani.

Giorgia Baroncini – Sab, 07/07/2018 –
Dopo un anno e mezzo di ricerche, l’hanno trovata nel mezzo della giungla peruviana.

Magrissima, il corpo segnato dalle violenze e con in braccio un neonato: la polizia ha fatto fatica a riconoscerla. La 19enne spagnola Patricia Aguilar non assomigliava più alla ragazzina fuggita oltre un anno prima dalla sua casa ad Elche, in Spagna.

La giovane era finita nelle mani di una setta apocalittica che viveva nella foresta in Perù. Gli agenti, dopo aver trovato la 19enne spagnola, hanno arrestato Félix Steven Manrique, il guru della setta che si era autoproclamato “inviato di Dio” e si faceva chiamare “il principe di Gurdjeff”. Nella capanna, insieme a Patricia, c’erano altre due donne e cinque bambini. Il neonato, stretto tra le braccia della giovane spagnola, è risultato figlio della 19enne e del capo della setta.

Il contatto
Patricia Aguilar aveva conosciuto Manrique su internet in un momento di grande fragilità. Il guru si è presentato come il “messia incaricato di ripopolare il mondo” e ha dichiarato che avrebbe salvato i suoi seguaci dall’apocalisse. In Perù Manrique gestiva una sorta di harem e costringeva le sue vittime ad avere rapporti con lui e a consumare l’Ayahuasca, una bevanda indigena che provoca allucinazioni.

La fuga
Patricia Aguilar era scappata dalla sua casa ad Elche il 7 gennaio 2017, appena compiuta la maggiore età. Dopo aver rubato un’ingente quantità di denaro alla famiglia, la giovane aveva preso un aereo per il Perù. La famiglia della giovane ha subito denunciato la sua scomparsa, raccontando alla stampa come le fosse stato fatto il lavaggio del cervello.

Il ritrovamento
Le forze dell’ordine peruviane, dopo mesi di ricerca, sono riuscite a individuare il luogo remoto in cui si trovava la ragazza. Ora la famiglia di Aguilar sta studiando un modo per far tornare la figlia in Spagna. “Lo status di mia figlia in Perù è illegale, quindi speriamo che la estradino in Spagna – ha spiegato il padre della giovane a El Mundo – . Non sappiamo cosa succederà al bambino, ma vorremmo che tornasse con Patricia a casa”.

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/ostaggio-setta-19enne-ritrovata-nella-giungla-peruviana-1550164.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.