TwitterFacebookGoogle+

Padoan, Ue in pericolo; non può occuparsi solo di banche

Roma – “Si è avviata una doppia reazione a Brexit, finanziaria e politica. Ma la reazione finanziaria, almeno finora, è limitata. Mi preoccupa di più quella politica”. Così il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, in un’intervista sul ‘Il Corrire della Sera’.

“Dobbiamo pensare l’impensabile. C’è un cocktail di fattori – spiega il ministro – che potrebbe portare a varie soluzioni, compresa un’ulteriore spinta alla disintegrazione. C’è un’insoddisfazione profonda su immigrazione, sicurezza, economia: l’occupazione e la crescita migliorano, ma non abbastanza. E c’è la tendenza a pensare che le soluzioni nazionali funzionino meglio di quelle europee”. Secondo Padoan, invece, è il momento di rilanciare l’Europa. “Di rilanciarla e di cambiarla. L’Italia ha fatto le sue proposte. Da mesi è sul tavolo il documento del ministero dell’Economia, fatto proprio dal governo, che dice: le priorità sono l’occupazione, la crescita, il benessere, l’eguaglianza. L’Europa non può occuparsi solo di banche. Le stiamo stabilizzando, continueremo a farlo; ma dobbiamo occuparci anche dei cittadini. Perché qui c’è un problema di consenso sociale diffuso: bisogna che i cittadini ricomincino a pensare che l’Europa sia una buona idea”.

L’Italia, prosegue il ministro, chiede “una politica comune che non riguardi solo l’unione bancaria, ma l’immigrazione, la sicurezza e la lotta alla diseguaglianza. La diseguaglianza è aumentata in Europa perché la crescita è bassa. Se si cresce di più, se c’è più lavoro, c’è meno diseguaglianza. La diseguaglianza ostacola la crescita, non la favorisce. Dobbiamo essere capaci di autocritica e collegare meglio crescita, lavoro, welfare ed eguaglianza. A cominciare dalla proposta italiana di un’assicurazione contro la disoccupazione ciclica”. Quanto invece ai possibili contraccolpi per l’economia italiana: “Qualcosa cambia: facciamo parte di un’area integrata. Forse cambia meno che per altri Paesi. Lo ripeto: l’impatto su mercati finanziari, Borse, titoli di Stato non riguarda in particolare l’Italia”. Quanto ai riflessi delle decisioni dei britannici sulle politiche economiche italiane “Stiamo lavorando – prosegue Padoan – su cosa fare degli spazi di finanza pubblica, e continueremo. Brexit certo non ci distoglie. Ma dobbiamo anche essere molto chiari: non è da escludere che in seguito alla Brexit, per ragioni indipendenti da noi, il quadro economico peggiori, e ci sia una minore crescita. Questo avrebbe ripercussioni sulla finanza pubblica. Mi auguro di no. Ma è nell’ordine delle cose”. Sulle prossime scadenze e, in particolare sul referendum di ottobre: “In Italia il modo per battere il No è spiegare perché si fanno le riforme. Il successo delle riforme dipende anche dal fatto che si spieghi alla popolazione perché un Paese deve riformarsi”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.