TwitterFacebookGoogle+

Paolo Villaggio, Stefano Rodotà e Gianni Boncompagni: la coerenza dei grandi laici

Di Luigi Tosti –

Dopo Gianni Boncompagni e Stefano Rodotà, un altro grande compagno di viaggio ci ha lasciati. Paolo Villaggio ha spento la sua vita in un giorno come un altro. E il Sole non si è stupito, perché quando muore un laico il Sole non si ferma e non si stupisce. Quando muore un laico, non c’è rissa di dei o di demoni e le campane non piangono, perché non c’è un’anima in vendita. La morte di un laico lascia un dolore e un rimpianto comune, ma la consolante certezza di non vederlo più afflitto dall’imbecillità umana.

Grazie, Gianni, grazie, Stefano, e grazie Paolo, per averci insegnato, con i vostri funerali “laici”, che la coerenza è un valore che oltrepassa la morte.

Pubblicato da luigitosti a 09:43

https://tostiluigi.blogspot.it/2017/07/paolo-villaggio-rodota-e-boncompagni-la.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.