TwitterFacebookGoogle+

Papa: a bimbi immigrati, piu' facile imparare lingua se hai amici

(AGI) – New York, 25 set. – Per i bambini arrivati dal Messico o dal Sud America negli Usa, imparare l’inglese “non e’ per niente facile”. Parola di Papa Francesco che in vista del viaggio di questi giorni ha dovuto rimettersi a studiare pronuncia e regole grammaticali. “All’inizio – ha detto ai ragazzi di Harlem che e’ andato a trovare nella scuola aperta per loro dalla fondazione caritativa cattolica “Partnership”, in stretta collaborazione con l’arcidiocesi di New York – puo’ essere un po’ faticoso imparare una nuova lingua, adattarsi a una nuova cultura, un nuovo clima. Quante cose bisogna imparare! Non solo i compiti della scuola”. Ma, ha aggiunto Bergoglio sempre rivolto ai ragazzi, “il bello e’ che incontriamo anche nuovi amici, incontriamo persone che ci aprono le porte e ci mostrano la loro tenerezza, la loro amicizia, la loro comprensione, e cercano di aiutarci perche’ non ci sentiamo estranei”. Secondo il Papa, “tutto diventa piu’ facile perche’ ci sentiamo a casa”. E questo, ha aggiunto, “e’ importante non solo per voi, ma per le vostre famiglie”. “In questo modo – infatti – la scuola diventa una grande famiglia per tutti. Dove insieme alle nostre mamme, papa’, nonni, educatori, insegnanti e compagni impariamo ad aiutarci, a condividere quello che c’e’ di buono in ciascuno, a dare il meglio di noi stessi, a lavorare in gruppo e a perseverare nei nostri obiettivi”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.