TwitterFacebookGoogle+

Papa, a Cracovia con giovani che non vogliono vivacchiare

CdV – “I giovani debbono vivere, non vivachiare”: Papa Francesco ha citato queste parole del beato Piergiorgio Frassati all’Angelus annunciando alla folla la sua partenza per Cracovia, dove sono attesi un milione e mezzo di giovani. “In questi giorni – ha detto il Pontefice – tanti giovani, da ogni parte del mondo, si stanno incamminando verso Cracovia, dove avra’ luogo la 31ma Giornata Mondiale della Gioventu’. Anch’io partiro’ mercoledi’ prossimo, per incontrare questi ragazzi e ragazze e celebrare con loro e per loro il Giubileo della Misericordia, con l’intercessione di san Giovanni Paolo II”. “Vi chiedo – ha poi aggiunto Francesco – di accompagnarci con la preghiera. Fin da ora saluto e ringrazio quanti stanno lavorando per accogliere i giovani pellegrini, con numerosi vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose”. “Un pensiero speciale – ha infine concluso – rivolgo ai tantissimi loro coetanei che, non potendo essere presenti di persona, seguiranno l’evento attraverso i mezzi di comunicazione. Saremo tutti uniti nella preghiera!”.

 
Intanto Cracovia è blindata per l’appuntamento con il Papa: rafforzati i controlli al castello di Wawel, nella piazza del Mercato e nel resto del centro storico. Gli attentati segli ultimi giorni, da Nizza a Monaco, hanno fatto alzare il livello di allerta nella “capitale culturale” polacca: Sui tetti che circondano la chiesa dei Bernardini, ai piedi del castello del Wawel, i cecchini iniziano a studiare le postazioni per garantire la sicurezza del pontefice.
La piazza del Mercato, sorta intorno alla splendida basilica dedicata alla Madonna – la “Mariacki” – ospita due palchi davanti ai quali i giovani in arrivo si riuniscono al tramonto per ascoltare musica e conoscersi. In queste ore la polizia municipale ha diviso la piazza in settori: il passaggio è libero, ma in caso di emergenza scattano le misure di sicurezza. (AGI) 
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.