TwitterFacebookGoogle+

Papa: "a Cuba non piu' chiusure, un ponte si sta costruendo con gli Usa "

(AGI) – CdV, 30 set. – Quello compiuto dal Papa nel suo ultimo viaggio, recandosi da Santiago de Cuba a Washington, primo capo di Stato da 60 anni a raggiungere gli Usa da Cuba, ha rappresentato “un passaggio emblematico, un ponte che grazie a Dio si sta ricostruendo”. Lo ha detto Francesco all’Udienza Generale di oggi. “Dio – ha commentato – sempre vuole costruire ponti; siamo noi che costruiamo muri! Il muri crollano, sempre!”. 

Appello del Pontefice: gli Stati Uniti devono ripartire dalla famiglia

“Ho potuto condividere col popolo cubano la speranza del compiersi della profezia di San Giovanni Paolo II: che Cuba si apra al mondo e il mondo si apra a Cuba. Non piu’ chiusure, non piu’ sfruttamento della poverta’, ma liberta’ nella dignita’” ha detto Papa Francesco all’Udienza Generale, la cui catechesi ha dedicato al suo recente viaggio a Cuba e negli Stati Uniti. “A Cuba , una terra ricca di bellezza naturale, di cultura e di fede , mi sono presentato – ha detto il Papa – come ‘Misionero de la Misericordia’.

La misericordia di Dio e’ piu’ grande di ogni ferita, di ogni conflitto, di ogni ideologia; e con questo sguardo di misericordia ho potuto abbracciare tutto il popolo cubano, in patria e fuori, al di la’ di ogni divisione”. “Simbolo di questa unita’ profonda dell’anima cubana – ha sottolienato – e’ la Vergine della Carita’ del Cobre, che proprio cento anni fa e’ stata proclamata Patrona di Cuba. Mi sono recato pellegrino al Santuario di questa Madre di speranza, Madre che guida nel cammino di giustizia, pace, liberta’ e riconciliazione”.

“Questa – ha aggiunto – e’ la strada che fa vibrare il cuore di tanti giovani cubani: non una strada di evasione, di facili guadagni, ma di responsabilita’, di servizio al prossimo, di cura della fragilita’”, ha spiegato Francesco”. “Un cammino – ha poi concluso Francesco – che trae forza dalle radici cristiane di quel popolo, che ha tanto sofferto. Un cammino nel quale ho incoraggiato in modo particolare i sacerdoti e tutti i consacrati, gli studenti e le famiglie. Lo Spirito Santo, con l’intercessione di Maria Santissima, faccia crescere i semi che abbiamo gettato”. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.