TwitterFacebookGoogle+

Papa: basta lamentele in tema di famiglia, prevalga il positivo

(AGI) – Philadelphia, 27 set. – In tema di famiglia la Chiesa dovrebbe cambiare atteggiamento: “la stima e la gratitudine devono prevalere sul lamento, nonostante tutti gli ostacoli che abbiamo di fronte”. Lo ha affermato Papa Francesco nel discorso rivolto questa mattina ai vescovi che partecipano all’Incontro Mondial delle Famiglie. “La famiglia – ha spiegato – per la Chiesa, non e’ prima di tutto un motivo di preoccupazione, ma la felice conferma della benedizione di Dio al capolavoro della creazione”. Secondo Bergoglio, “ogni giorno, in tutti gli angoli del pianeta, la Chiesa ha motivo di rallegrarsi con il Signore per il dono di quel popolo numeroso di famiglie che, anche nelle prove piu’ dure, onorano le promesse e custodiscono la fede!”. “Dunque – ha scandito – il primo slancio pastorale che questo impegnativo passaggio d’epoca ci chiede e’ proprio un passo deciso nella linea di questo riconoscimento”. “La famiglia – ha ricordato il Papa – e’ il luogo fondamentale dell’alleanza della Chiesa con la creazione di Dio. Senza la famiglia – infatti – anche la Chiesa non esisterebbe: non potrebbe essere quello che deve essere, ossia segno e strumento dell’unita’ del genere umano”. L’invito di Papa Francesco alla Chiesa in tema di pastorale familiare, a cambiare atteggiamento e smetterla di lamentarsi, trova il presidente della Cei Angelo Bagnasco, perfettamente d’accordo: “bisogna semplicemente prendere atto della realta’ – dice ai giornalisti che seguono Papa Francesco a Philadelphia, dove il cardinale partecipa all’Incontro Mondiale delle Famiglie – non per arrendersi davanti alle difficolta’, alle prove e alle sfide, ma per trovare le risposte piu’ adeguate a partire dalla realta’, per proporre in modo efficace il bel messaggio cristiano per la famiglia”. Riguardo al Sinodo, al quale Bagnasco e’ stato eletto con un vero e proprio plebiscito dai vescovi italiani, il cardinale ha aggiunto: “come l’anno scorso sara’ un momento di grazia di e di comunione”. “Gia’ l’atra volta – ha ricordato – il Papa ci aveva chiesto di affrontare il tema della famiglia a tutto campo: la difficolta’ di creare rapporti stabili, la paura di fondo a concepire l’amore come conquista quotidiana, il tema della preparazione al matrimono, i gruppi di sostegno. Lo faremoo anche questa volta, aperti a tutti i temi, per trovare le risposte pastorali migliori”. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.