TwitterFacebookGoogle+

Papa e petrolieri: “chiedetelo a loro”

Di ilsimplicissimus –
Sarebbe proprio il caso di dire “Chiedetelo a loro”. Si voi che vi affrettate a dare l’obolo alla chiesa cattolica in virtù di opere umanitarie che per la maggior parte sono costituite da ristrutturazioni edilizie, restauri, stipendi e non ultima proprio la pubblicità che serve per raccoglierli. Chiedete a loro perché questo fine settimana, a cominciare da domani, ci sarà un piccolo concistoro segreto fra le supreme autorità della Chiesa e le cosiddette sette sorelle del petrolio, più alcuni dei maggiori investitori mondiali tra cui Larry Fink, amministratore delegato di BlackRock, il più grande fondo di investimenti del pianeta, con interessi in molti settori e soprattutto in quello delle pensioni dove risiede il suo core business tanto che egli lamenta la scarsa privatizzazione del settore in Europa e spinge la Commissione di Bruxelles a prendere provvedimenti in tal senso anche dopo la creazione di un progetti pilota gestito dalla stessa BlackRock. Forse non c’è nemmeno bisogno di dire che questo umanista del dollaro ha subito espresso un parere negativo riguardo al governo appena entrato in carica in Italia: se non altro si vanno ormai chiarendo gli schieramenti di fatto.

Se lo scopo di questo vertice fosse solo la preoccupazione per il clima, come rivelato dal Vaticano una volta diffusasi la notizia, a che scopo rendere segreto e privato questo “concilio” che per il numero e l’importanza dei partecipanti è impossibile da tenere segreto? Non sarebbe stato più incisivo farne totalmente partecipi quelle ” periferie” di cui Papa Francesco dice di essere il pastore e rivelare urbi et orbi cosa ne pensa il governo globale delle multinazionali? Qui già ci troviamo di fronte a un problema di comunicazione e di metodo che lascia davvero perplessi; se come dice il Vaticano “i giovani esigono da noi un cambiamento. Essi si domandano com’è possibile che si pretenda di costruire un futuro migliore senza pensare alla crisi ambientale e alle sofferenze degli esclusi” è del tutto incoerente parlarne nelle segrete stanze con un curia di ultra ricchi che poi sono quelli che hanno creato il problema ambientale, che finanziano il negazionismo scientifico sul cambiamento climatico recentemente criticato dalla Cei e che alla fine creano esclusione e disuguaglianza ad ogni livello.

Ma poi non è ben chiaro lo scopo del santo vertice petrolifero. Una nota vaticana sostiene: “Sappiamo che la tecnologia basata sui combustibili fossili, molto inquinanti – specie il carbone, ma anche il petrolio e, in misura minore, il gas –, deve essere sostituita progressivamente e senza indugio. In attesa di un ampio sviluppo delle energie rinnovabili, che dovrebbe già essere cominciato, è legittimo optare per l’alternativa meno dannosa o ricorrere a soluzioni transitorie”. Che vuol dire questo contraddittorio ondeggiare tra i “senza indugio” e nel “frattempo” ? Probabilmente che bisogna consumare più petrolio e meno carbone ( ancor meglio sarebbe più gas e meno carbone e petrolio) ben sapendo che la riconversione delle centrali elettriche da un combustibile a un altro comporta anni e impegna investimenti così consistenti da sottrarli nella sostanza allo sviluppo delle energie rinnovabili. Ma poi perché solo le sette sorelle angloamericane e i mega centri finanziari americani e non invece anche rappresentanti delle grandi compagnie russe che dispongono delle maggiori riserve planetarie o di quelle cinesi che sono le maggiori utilizzatrici di oro nero al mondo? Che significa questo vertice limitato all’occidente e di fatto al solo centro dell’impero: sono i petrolieri che cercano una benedizione per i loro ultimi fuochi o il papa che si vuole proporre come mediatore di un modello produttivo e sociale per altri versi respinto a parole? Non è per caso che si vuole in qualche modo elevare agli altari il globalismo di marca americana e i suoi modelli di consumo portati all’estremo man mano che esso e le sue conseguenze stanno allontanando e disgustando le famose periferie di Papa Francesco? Sono domande perfettamente legittime di fronte alle ambiguità vaticane che con l’attuale pontefice stanno raggiungendo la massima ampiezza, anzi quasi una totale dissociazione tra fatti e parole. Magari qualcuno avrebbe detto petrolio al petrolio e rinnovabili alle rinnovabili. Ma di certo non troverebbe ospitalità nella chiesa.

Papa e petrolieri: “chiedetelo a loro”

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.