TwitterFacebookGoogle+

Papa Francesco: È la terza guerra mondiale

Papa Francesco: È la terza guerra mondialeSiamo in guerra, è una Terza guerra mondiale, ma a pezzi. Così il Papa ha denunciato l’efferatezza delle guerre non convenzionali e che sia stato raggiunto un livello di crudeltà spaventosa di cui spesso sono vittime civili inermi, donne e bambini.

La tortura è diventata un mezzo quasi ordinario, ha detto Papa Francesco. Di fronte al dolore umano non si può essere neutrali, ha poi spiegato parlando delle vittime del naufragio del Sewol. Alcuni parenti gli hanno regalato un fiocchetto giallo in ricordo dei morti che il Papa porta appuntato su petto. Qualcuno, ha detto, gli ha consigliato di toglierlo per essere neutrale. Ho sentito di dovermi avvicinare, il dolore umano è tanto forte, e insieme ci aiutiamo.Parlando poi dei rapporti con Pechino ha aggiunto: Se ho voglia di andare in Cina? Ma sicuro, domani. Rispettiamo il popolo cinese, soltanto la Chiesa chiede libertà per il suo mestiere, il suo lavoro. Poi non dimentichiamo quella lettera fondamentale di Benedetto XVI al popolo cinese che oggi è attuale, ha attualità, rileggerla fa bene, e sempre la Santa Sede è aperta ai contatti, perchè ha una vera stima per il popolo cinese.

Il Pontefice si è detto pronto ad andare anche in Kurdistan. E sulla situazione in Iraq ha detto: Dove c’è un’aggressione ingiusta posso solo dire che è lecito fermare l’aggressore ingiusto, sottolineo il verbo fermare, non bombardare o fare la guerra. I mezzi con i quali fermare l’aggressore ingiusto dovranno essere valutati. Quante volte  con questa scusa di fermare l’aggressore le potenze hanno fatto una vera guerra di conquista? Una sola nazione non può giudicare come si ferma un aggressore. Dopo la Seconda guerra mondiale è nata l’idea della Organizzazione delle Nazioni Unite, è là che si deve discutere. Ma, assicura, l’incontro di preghiera in Vaticano con i presidenti israeliano e Palestinese Shimon Peres e Abu Mazen non è stato inutile anche se oggi la situazione del conflitto in Terrasanta e ulteriormente degenerata. Si è aperta una porta, adesso il fumo delle bombe non ci fa vedere quella porta, ma il Signore la vede e quella porta c’è, ha aggiunto il Papa.

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.