TwitterFacebookGoogle+

Papa Francesco: mancano preti, non imbarcare i pedofili

Papa Francesco: mancano preti, non imbarcare i pedofili(AGI) – CdV, 3 ott. – A causa della crisi delle vocazioni “noi vescovi abbiamo la tentazione di prendere senza discernimento i giovani che si presentano. Questo e’ un male per la Chiesa!”. E’ una forte denuncia quella affidata oggi da Papa Francesco alla Congregazione del clero, ricevuta in udienza, ma anche un suggerimento autorevole ad imparare dalla dolorosa esperienza dello scandalo dei preti pedofili. “Per favore – ha chiesto il Pontefice – occorre studiare bene il percorso di una vocazione! Esaminare bene se quello e’ dal Signore, se quell’uomo e’ sano, se quell’uomo e’ equilibrato, se quell’uomo e’ capace di dare vita, di evangelizzare, se quell’uomo e’ capace di formare una famiglia e rinunciare a questo per seguire Gesu'”. “Oggi – ha ammesso Francesco – abbiamo tanti problemi, e in tante diocesi, per questo errore di alcuni vescovi di prendere quelli che vengono a volte espulsi dai seminari o dalle case religiose perche’ hanno bisogno di preti. Per favore! Dobbiamo pensare al bene del popolo di Dio”.

Nel suo discorso, Francesco ha spiegato che il compito dei vescovi e degli incaricati dei seminari e’ quello “di custodire e far crescere le vocazioni, perche’ portino frutti maturi”. “Esse – infatti – sono un diamante grezzo, da lavorare con cura, rispetto della coscienza delle persone e pazienza, perche’ brillino in mezzo al popolo di Dio”. “La formazione – ha spiegato – non e’ un atto unilaterale, con il quale qualcuno trasmette nozioni, teologiche o spirituali”.

Il Papa ha anche ricordato che “Gesu’ non ha detto a quanti chiamava: ‘vieni, ti spiego’, ‘seguimi, ti istruisco’: no!; la formazione offerta da Cristo ai suoi discepoli e’ invece avvenuta tramite un ‘vieni e seguimi’, ‘fai come faccio io’, e questo e’ il metodo che anche oggi la Chiesa vuole adottare per i suoi ministri. La formazione di cui parliamo e’ un’esperienza discepolare, che avvicina a Cristo e permette di conformarsi sempre piu’ a Lui”. “Proprio per questo – ha aggiunto Bergoglio – essa non puo’ essere un compito a termine, perche’ i sacerdoti non smettono mai di essere discepoli di Gesu’, di seguirlo. A volte procediamo spediti, altre volte il nostro passo e’ incerto, ci fermiamo e possiamo anche cadere, ma sempre restando in cammino. Quindi, la formazione in quanto discepolato accompagna tutta la vita del ministro ordinato e riguarda integralmente la sua persona, intellettualmente, umanamente e spiritualmente. La formazione iniziale e quella permanente vengono distinte perche’ richiedono modalita’ e tempi diversi, ma sono le due meta’ di una sola realta’, la vita del discepolo chierico, innamorato del suo Signore e costantemente alla sua sequela”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it




Vai all’articolo originale su AGI >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.