TwitterFacebookGoogle+

Papa, il mondo ha bisogno di eroi e la Chiesa di santi

CdV – “Nei momenti difficili della storia si sente dire che la patria ha bisogno di eroi. E questo e’ vero, e’ giusto. Ma di che cosa ha bisogno oggi la Chiesa? Di testimoni, di martiri”. Sono parole di Papa Francesco nell’omelia alla Domus Santa Marta. “I testimoni, cioe’ i santi, i santi di tutti i giorni, quelli della vita ordinaria, ma con la coerenza, e anche i testimoni fino alla fine, fino alla morte: questi – ha afefrmato il Pontefice – sono il sangue vivo della Chiesa; questi sono quelli che portano la Chiesa avanti, i testimoni; quelli che attestano che Gesu’ e’ risorto, che Gesu’ e’ vivo, e lo attestano con la coerenza di vita e con lo Spirito Santo che hanno ricevuto in dono”. In un modo o in un altro, il cristiano “si gioca la vita nella vera testimonianza”, ha spiegato il Papa, per il quale “la coerenza fra la vita e quello che abbiamo visto e ascoltato e’ proprio l’inizio della testimonianza. Ma la testimonianza cristiana ha un’altra cosa, non e’ solo di quello che la da’: la testimonianza cristiana, sempre, e’ in due. ‘E di questi fatti siamo testimoni noi e lo Spirito Santo’. Senza lo Spirito Santo non c’e’ testimonianza cristiana. Perche’ la testimonianza cristiana, la vita cristiana e’ una grazia, e’ una grazia che il Signore ci da’ con lo Spirito Santo”.
“Senza lo Spirito – ha osservato ancora Bergoglio – non riusciamo ad essere testimoni”. Secondo il Pontefice, il testimone e’ chi e’ “coerente con quello che dice, con quello che fa e quello che ha ricevuto, cioe’ lo Spirito Santo”. “Questo – ha scandito – e’ il coraggio cristiano, questa e’ la testimonianza dei nostri martiri oggi, tanti, cacciati via dalla loro terra, sfollati, sgozzati, perseguitati: hanno quel coraggio di confessare Gesu’ proprio fino al momento della morte; e’ la testimonianza di quei cristiani che vivono la loro vita sul serio e dicono: ‘Io non posso fare questo, io non posso fare male ad un altro; io non posso truffare; io non posso condurre una vita a meta’, io devo dare la mia testimonianza’”. “E la testimonianza – ha poi concluso – e’: dire quello che nella fede ha visto e udito, cioe’ Gesu’ Risorto, con lo Spirito Santo che ha ricevuto come dono”. (AGI)
.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.