TwitterFacebookGoogle+

Papa in Chiapas chiede perdono a indios

di Salvatore Izzo

San Cristobal –  “Molte volte, in modo sistematico e strutturale, i vostri popoli sono stati incompresi ed esclusi dalla societa’”. Pesano come pietre le parole che Papa Francesco pronuncia a San Cristobal de Las Casas, capoluogo del Chiapas davanti ad una platea attenta e a tratti commossa di 100 mila indios, dei quali, ha scandito il Pontefice, “hanno considerato inferiori i loro valori, la loro cultura e le loro tradizioni. Altri, ammaliati dal potere, dal denaro e dalle leggi del mercato, lo hanno spogliati delle loro terre o hanno realizzato opere che le inquinavano. Che tristezza!”. “Quanto farebbe bene a tutti noi – ha esclamato il Papa – fare un esame di coscienza e imparare a die: perdono! Il mondo di oggi, spogliato dalla cultura dello scarto, ha bisogno di voi!”.

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.