TwitterFacebookGoogle+

Papa, Isis, suocere e complotti

Le critiche a chi critica il Papa per la frase sull’islam e le suocere. Si parla di complotti. Ma forse questi esistono solo nei pensieri e nei disegni di chi vuole blindare il Pontefice, a priori, da ogni critica, in particolare da quelle interne alla Chiesa.
marco tosatti –
03/08/2016 –

E’ giusto evitare di accreditare l’Isis come portabandiera dell’islam. E naturalmente il Papa fa bene a farlo. Fa una considerazione politica; e di conseguenza dice “Non è giusto identificare l’islam con la violenza. Non è giusto e non è vero”.

Identificare forse no; ma non riconoscere – e farlo riconoscere ai diretti interessati – che nei testi fondanti dell’islam la violenza, la legittimazione della violenza, e persino l’esortazione alla violenza c’è, e non sono casi episodici, ma numerosi e frequenti, mescolati ad altre esortazioni più misericordiose, non è altrettanto giusto. Ed è giusto e caritatevole dirlo.

Perché se no, oltre a omettere una verità evidente a chiunque abbia un minimo di frequentazione con quei testi, o addirittura a negarla, si avalla il giustificazionismo comodo di una gran parte del mondo musulmano. Che a ogni nuova barbarie dice: “Questo non è islam” è lì si ferma placidamente. Così facendo non si aiuta chi, in quel mondo, si batte e lotta, non senza rischi, proprio per cercare di arrivare a una lettura storica, non più immutabile e atemporale dei testi: Corano e Hadith, per togliere loro il veleno che li rende fruibili e utilizzabili dai terroristi di ieri, oggi e domani.

Non credo che ci sia nessuno, come affermano alcuni polemisti iperpapisti, che voglia la guerra santa. Ma è ragionevole chiedersi se sia saggio, finché siamo in questa situazione, permettere che vi sia un’immissione senza freni e senza controlli in Europa di persone portatrici di una cultura che si è rivelata di un’assimilazione molto, molto difficile, per non dire impermeabile. Il buonsenso consiglia di no.

Dire questo non significa nutrire complotti e allestire trappole per il Papa. Questi esistono solo nei pensieri e nei disegni di chi vuole blindare il Pontefice, a priori, da ogni critica, in particolare da quelle interne alla Chiesa. Forse anche consapevole di come certe frasi – l’ormai famosa analogia fra terrorismo e l’assassinio cristiano della suocera – al Papa non fanno fare una gran bella figura.

http://www.lastampa.it/2016/08/03/blogs/san-pietro-e-dintorni/papa-isis-suocere-e-complotti-mwFx7zfiOCthKsAd9ylMgK/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.