TwitterFacebookGoogle+

Papa: nessuno puo' obbligarci a non essere ospitali

(AGI) – Asuncion, 12 lug. – “Una cosa e’ certa: non possiamo obbligare nessuno a riceverci, ad ospitarci; e’ certo ed e’ parte della nostra poverta’ e della nostra liberta’. Ma e’ altrettanto certo che nessuno puo’ obbligarci a non essere accoglienti, ospitali verso la vita del nostro popolo”. Lo ha affermato Papa Francesco nell’omelia della grande messa celebrata nella base militare di Nu GuazuNessuno puo’ chiederci di non accogliere e abbracciare la vita dei nostri fratelli, soprattutto di quelli che hanno perso la speranza e il gusto di vivere”. “Com’e’ bello – ha aggiunto Bergoglio – immaginare le nostre parrocchie, comunita’, cappelle, luoghi dove ci sono i cristiani non con le porte chiuse, come veri centri di incontro tra noi e Dio”. “La Chiesa – ha ricordato – e’ madre, come Maria. In lei abbiamo un modello. Accogliere, come Maria, che non ha dominato ne’ si e’ impadronita della Parola di Dio, ma, al contrario, l’ha ospitata, l’ha portata in grembo e l’ha donata”. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.