TwitterFacebookGoogle+

Papa: per un'ora e 20 con genitori due vittime di Maccalube

(AGI) – CdV, 28 dic. – Il carabiniere Rosario Mulone era in visita con la moglie Giovanna e i due figli alla riserva naturale di Maccalube di Aragona, quando un piccolo vulcano naturale e’ esploso sommergendo l’intero nucleo familiare con fango e gas. Persero la vita i due bambini, Carmelo e Laura, e ieri Papa Francesco ha incontrato ha alla Domus Santa Marta per un’ora e 20 i genitori delle due piccole vittime. La notizia pubblicata dall'”Amico del Popolo”, il settimanale della diocesi di Agrigento, e’ stata rilanciata dal Sismografo, sito informato in tempo reale sulle attivita’ di Papa Francesco e della Santa Sede. Lo scorso 7 novembre Papa Francesco aveva telefonato ai coniugi esprimendo loro la vicinanza nella preghiera ed esprimendo il desiderio di incontrarli. Il che e’ avvenuto ieri, quando alle 17 li ha ricevuti in udienza per questo lungo e inusuale colloquio personale con due coniugi cosi’ feriti, durante il quale il Papa li ha incoraggiati e si e’ posto in ascolto del loro dolore e dei tanti perche’ che li tormentano. L’incontro si e’ concluso con un momento di preghiera e la benedizione. Ad accompagnare i coniugi Mulone c’erano il cappellano della Legione Sicilia dell’Arma dei Carabinieri, don Salvatore Falzone, vicino alla famiglia fin dai primi momenti della tragedia in cui persero la vita i due ragazzi. Al termine dell’incontro il Papa ha benedetto le foto di Carmelo e Laura, un calice che la coppie Mulone ha donato alla cappella della Legione Sicilia in ricordo dei loro figli e l’immagine della “Virgo Fidelis”, patrona dei Carabinieri. Sul retro dell’immagine Bergoglio ha scritto: “Per tutti i Carabinieri della Sicilia con la mia benedizione e chiedendovi di pregare per me”. E davvero i carabinieri sono stati molto vicini al loro collega Rosario che e’ in servizio a Joppolo Giancaxio, e nel giorno della tragedia per alcune ore ha partecipato ai soccorsi insieme ai carabinieri di Aragona. Laura, 7 anni, e’ stata estratta rapidamente ma quando hanno tentato di rianimarla con un massaggio cardiaco, la piccola non ce l’ha fatta. Del secondo bambino, Carmelo, 9 anni, non c’e’ stata traccia per molte ore: il suo corpo e’ stato trovato sepolto da metri di fango: i soccorritori lo hanno cercato sondando e scavando l’enorme massa riversata dall’esplosione. Hanno partecipato alle ricerche diverse ruspe. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.