TwitterFacebookGoogle+

Papa: segni di morte arrivano da economia di consumo e scarto

CdV – “Ascoltare i segni di distruzione e di morte che accompagnano il cammino dell’umanità, sensibilizzando le istituzioni affinché il sistema economico non sia orientato esclusivamente al consumo delle risorse naturali e degli esseri umani ma promuova la piena realizzazione di ogni persona e un autentico sviluppo”. Lo chiede Papa Francesco in un testo diffuso a Cracovia dall’arcivescovo di Cracovia, il cardinale Stanislao Dziwisz.

Francesco esorta a riflettere “sulla comune responsabilità di custodi della creazione nel disegno di Dio iscritto nella natura”. E ricorda che il Creato è un dono meraviglioso di Dio perché sia utilizzato a beneficio di tutti. E’ necessario cominciare dalla nostra quotidianità se vogliamo cambiare stili di vita e riducendo gli sprechi, coscienti che anche i piccoli gesti possono garantire la sostenibilità e il futuro della famiglia umana”. Il messaggio del Papa, inviato, tramite la Segreteria di Stato, è stato letto da Dziwisz al convegno “Ecologia integrale. Laudato Sì’ – I giovani protagonisti del cambiamento”, promosso dai ministeri dell’Ambiente italiano e polacco, dalla Università Papa Giovanni Paolo II di Cracovia, dalla Fondazione Giovanni Paolo II, dalla Fondazione “Principe Alberto II” di Monaco e dal Comitato organizzatore della Gmg di Cracovia. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.