TwitterFacebookGoogle+

Papa, Senato Usa, aborto…

marco tosatti –

26/09/2015 –

Hanno osannato il Papa in seduta comune, al Congresso degli Usa. E il giorno dopo, tanto per dimostrare quanto avessero capito il suo messaggio, i senatori hanno affossato un disegno di legge che tendeva a impedire gli aborti dopo le 20 settimane di vita, una legge che secondo LifeNews avrebbe contribuito a salvare diciottomila bambini ogni anno.

Il Senato ha votato per superare l’ostruzionismo dei democratici contro il the “Pain Capable Unborn Child Protection Act”. La votazione si è svolta il giorno dopo che papa Francesco aveva parlato davanti a rappresentanti del popolo americano; e in un momento in cui l’opinione pubblica è scossa dalla pubblicazione di dieci video girati di nascosto in cui i responsabili “Planned Parenthood”, il gigante dell’aborto Usa e nel mondo, parlano dei guadagni ottenuti vendendo organi di bambini abortiti, alcuni dei quali estratti mentre il cuore ancora batteva. Occhi e gonadi fra i più pregiati.

Non è stato sufficiente l’appello del leader della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell: “Quello a che chiedo a ogni collega è questo: guardate nel vostro cuore, e aiutateci a ergerci per la vita la più innocente”. Per bloccare l’ostruzionismo dei Democratici, e passare direttamente al voto erano necessari 60 voti: ne sono stati ottenuti 54, contro 42. Tre democratici e due repubblicani hanno cambiato campo.

E comunque il presidente degli Usa, Barack Obama, strenuo difensore di Planned Parenthood ha minacciato di usare il veto presidenziale, nel caso di un’approvazione della legge. Probabilmente il Papa non l’ha saputo, ed è meglio così; una delusione di meno. E poveri vescovi americani, rimproverati per usare termini duri. Ma sono in buona compagnia. Quella di San Paolo; che in fondo da un punto di vista pastorale sembra non fosse uno sprovveduto, eppure ogni tanto non risparmiava certo le parole.

http://www.lastampa.it/2015/09/26/blogs/san-pietro-e-dintorni/papa-senato-usa-aborto-Kwxj3jcDmEBUwyxWOq21LO/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.