TwitterFacebookGoogle+

Paradossi made in Usa: specchietti, cinture di sicurezza e assicurazioni per i calessi degli Amish

La contea di Wood, nel Wisconsin, pronta a varare per motivi di sicurezza un’ordinanza destinata a stravolgere la ultrasecolare tradizione della comunità che rifiuta la tecnologia.

Famiglia Amish sul calesse –

Diego Minuti17 dicembre 2017 –

Possono le regole di una comunità fortemente legata alle proprie tradizioni e convinzioni religiose essere stravolte per una ordinanza che riguarda il traffico? E’ quanto si stanno chiedendo in molti, e non necessariamente solo in seno alle comunità tradizionaliste, dopo che la Contea di Wood, nello Stato americano del Wisconsin, ha messo all’ordine del giorno della riunione del consiglio comunale di martedì la discussione su un’ordinanza che, di fatto, impone agli Amish che vi risiedono – e che come è noto rifiutano di modificare il loro modo di vivere, rimasto in gran parte quello di un paio di secoli fa – di dotare i loro calessi di strumenti di sicurezza, come specchietti retrovisori, parabrezza, seggiolini per bambini, cinture di sicurezza. Ma soprattutto di prendere la patente, cosa di cui tutti loro sono sprovvisti per ovvi motivi, e assicurare i loro mezzi. Forse, anzi certamente l’intento è lodevole, mettere in sicurezza tutti i mezzi (quindi anche i calessi) che si muovono lungo le strade della contea. Ma l’interesse generale della sicurezza può imporsi anche su rigide tradizioni e regole di comportamento che si tramandano da secoli praticamente intoccate e su cui si fonda la solidità dei vincoli alla base della vita comunitaria?
La proposta ha lo scopo di salvare vite umane, ha dichiarato il membro del Consiglio dei Supervisori della contea, Bill Winch, che ha dato il suo contribito all’elaborazione delle nuove regole.
Nove persone, dal 2009, sono morte in incidenti che hanno coinvolto carrozze trainate da cavalli e carri dentro e fuori la Contea di Wood, ha detto Winch, secondo cui questa situazione genera una ”preoccupazione continua”.
In sostanza con l’ordinananza ai conducenti di veicoli trainati da animali (come ad esempio i calessi usati dagli Amish) si impone di obbedire agli stessi regolamenti che il resto degli utenti della strada dovrebbero seguire, ha aggiunto Winch.
Se l’ordinanza sarà approvata, gli Amish lasceranno la Contea di Wood, ha pronosticato Mark Louden, professore dell’Università di Madison-Wisconsin, specializzato in lingua e cultura olandese, perché, a suo avviso, “non c’è assolutamente una via di mezzo”. E. dopo avere letto la bozza dell’ordinanza l’ha definita ”completamente impraticabile”, soprattutto perchè ”gli Amish considererebbero la stipula di un’assicurazione di responsabilità civile o l’ottenimento di patenti di guida come una violazione delle loro convinzioni e dei loro valori”.
“Tutto quello che posso pensare è che, se approvano l’ordinanza, non vogliono gli Amish nella Contea di Wood”, ha detto Louden.
Il presidente del consiglio di contea di Wood Lance Pliml ha detto che l’idea originale dietro l’ordinanza era quella di richiedere un’adeguata illuminazione sui veicoli a cavallo e un certo livello di istruzione per tutti coloro che li guidano.
”I bambini di età inferiore ai 10 anni guidano veicoli trainati da cavalli e non capiscono cosa significhi un segnale di fermata”, ha detto Pliml. L’ordinanza richiede per i mezzi trainati da cavalli non solo parabrezza, ma anche finestre laterali e posteriori, tutte in vetro o plastica di sicurezza. Richiede cinture di sicurezza per tutti i conducenti e passeggeri, nonché seggiolini per bambini per i bambini di età inferiore agli 8 anni.

http://www.globalist.it/world/articolo/2017/12/17/paradossi-made-in-usa-specchietti-cinture-di-sicurezza-e-assicurazioni-per-i-calessi-degli-amish-2016492.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.