TwitterFacebookGoogle+

Parigi conferma presenza forze speciali in Libia

Parigi – Un portavoce del governo di Parigi ha confermato la presenza di militari francesi in Libia. “Le forze speciali ci sono, naturalmente, per contribuire a garantire che la Francia sia presente ovunque nella lotta contro i terroristi”, ha detto Stephane Le Foll, portavoce del governo francese, in un’intervista all’emittente radiofonica “France Info”. Il portavoce, tuttavia, si è rifiutato di confermare la presenza di due soldati francesi a bordo dell’elicottero delle forze del generale Khalifa Haftar, comandante dell’autoproclamato Esercito nazionale libico, precipitato domenica scorsa, 17 luglio, nei pressi di Bengasi. Secondo quanto riferisce l’emittente televisiva “Sky Arabia” sarebbero francesi i presunti soldati stranieri a bordo del velivolo caduto ad est di Bengasi nel corso degli scontri tra le forze di Haftar e la milizia islamista “Brigate di Difesa di Bengasi”.

Se la notizia dovesse essere confermata, sarebbe la dimostrazione che la Francia a parole sostiene il governo di accordo nazionale con sede a Tripoli, ma nei fatti appoggia le forze di Haftar, primo ostacolo alla riconciliazione nazionale voluta dalle Nazioni Unite. L’agenzia di stampa libica “al Tadhamoun” aveva parlato di “soldati stranieri” a bordo dell’elicottero abbattuto domenica nella zona di al Maqrun, 75 chilometri ad est di Bengasi, notizia che però non ha mai trovato conferme ufficiali. Fadel al Hasi, esponente delle forze di Haftar, ha spiegato alla stessa “Sky Arabia” che “non c’erano stranieri ma solo libici a bordo dell’elicottero”. Al Hasi ha confermato però che domenica scorsa “un nostro elicottero è stato abbattuto dalle milizie di al Qaeda”.

Il destino dei piloti non è ancora chiaro: l’esercito di Haftar non ha rivelato dettagli, mentre per le brigate islamiste, considerate vicine ad al Qaeda, sarebbero tutti morti. Si tratta del secondo “incidente” aereo per le forze di Haftar. Lo scorso 6 di luglio un cacciabombardiere MiG-23 dell’aviazione fedele al generale è precipitato nei pressi di Bengasi. Ilpilota, Idris al Obeidi, un ufficiale molto popolare fra letruppe della Cirenaica, è morto per le ferite riportatenello schianto. Finora non è stato chiarito se il MiG-23sia stato abbattuto o sia precipitato per un guasto. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.