TwitterFacebookGoogle+

Paura a Bruxelles, operazioni ancora in corso

Bruxelles – Sono ancora alla macchia i sospetti terroristi che, da ieri pomeriggio, hanno scatenato la gigantesca caccia all’uomo ancora in corso a Bruxelles e dintorni. Le perquisizioni sono continuate per tutta la notte a Bruxelles, dopo che ieri un’operazione condotta nel quartiere di Forest -dalla polizia federale belga in collaborazione con quella francese nell’ambito delle indagini sulla strage di Parigi- ha provocato una sparatoria e la fuga di alcuni sospetti. Solo uno di loro e’ stato ucciso durante l’inseguimento.

L’ultima operazione ha riguardato stamane, intorno alle sei, un appartamento non lontano da quello dove ieri i poliziotti erano stati accolti da scariche di Kalashnikov (dei 4 agenti feriti, solo due sono ancora in ospedale ma non in gravi condizioni). Durante la notte, sono state perquisite diverse abitazioni nei dintorni e solo verso le 3 del mattino il quartiere e’ stato riaperto alla circolazione e gli abitanti, costretti a passare la notte nella sede dell’amministrazione comunale di Forest, sono potuti tornare a casa. Nella casa di rue Dries, quella dove si nascondevano le persone che hanno aperto il fuoco sui poliziotti per poi fuggire sui tetti, sono stati posti i sigilli giudiziari.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.