TwitterFacebookGoogle+

Paura attentati, per 8 italiani su 10 vacanze nella penisola

Roma – Dopo gli attentati di Bruxelles tra gli italiani vi e’ piu’ paura di andare all’estero ma non cambia la voglia di viaggiare: cresce cosi’ il desiderio di passare le vacanze nella penisola. E’ quanto rivela l’indagine Confturismo-Confcommercio in collaborazione con l’Istituto Piepoli, secondo cui l’indice di propensione al viaggio degli italiani resta a marzo stabile a 59 punti. Oltre quattro italiani su dieci manifestano timore a recarsi all’estero, un valore piu’ elevato di quanto registrato dopo gli attentati di Parigi dello scorso novembre; uno su due afferma che, in conseguenza degli attacchi di Bruxelles, cambiera’ le proprie abitudini (anche se la maggioranza continuera’ a viaggiare all’estero come prima) e otto italiani su dieci scelgono l’Italia per i viaggi nei prossimi tre mesi. La meta preferita e’ la Toscana, seguita da Lazio e Lombardia; l’effetto del Giubileo sta facendo crescere Roma come destinazione in Italia. La ricerca mostra anche che l’81% degli italiani crede che presto ci sara’ un altro attacco terroristico, 14 punti percentuali superiore a quello di novembre 2015. L’Europa rimane l’obiettivo piu’ probabile di eventuali prossimi attacchi terroristici e l’Italia sarebbe il Paese nel quale, secondo gli italiani, ci sono le maggiori probabilita’ di nuovi attentati. Sette italiani su dieci hanno il timore che il nostro paese possa essere l’obiettivo di un futuro attentato di matrice islamica. In un clima di maggiore incertezza, si riduce la durata media dei viaggi. Il numero medio di notti per viaggio per i prossimi tre mesi diminuisce rispetto a marzo del 2015 dell’11 per cento fino ad arrivare a 3,4 notti. Effetto – spiega lo studio – che va comunque ricondotto in gran parte alla stagionalita’ fisiologica, dal momento che tra aprile e giugno e’ normale che prevalgano nelle scelte di viaggio i cosiddetti short break. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.